EuRIC all'IREPAS: la Commissione europea riconsideri l'impatto delle restrizioni all'esportazione di rifiuti

martedì, 31 maggio 2022 11:08:47 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Durante la sua presentazione all’evento IREPAS & SteelOrbis in corso a Istanbul, Olivier Francois, presidente della Confederazione Europea delle Industrie del Riciclaggio (EuRIC), ha condiviso le statistiche 2021 sul commercio delle materie prime da riciclo e affrontato il tema della revisione del regolamento sulle spedizioni di rifiuti dall’Ue e il suo impatto sul commercio di rottame.

Per quanto riguarda la situazione nell'Ue, Francois ha affermato che la produzione totale di materia prima riciclata è stata di 102 milioni di tonnellate nel 2021. Il presidente di EuRIC ha affermato che il consumo locale della materia prima riciclata nell'Ue nello stesso anno è stato pari a 82,5 milioni di tonnellate, mentre le esportazioni sono ammontate a 19,5 milioni di tonnellate.

Francois ha affermato che i paesi dell'Ue-27, che sono i principali esportatori di rottame al mondo, hanno esportato 19,5 milioni di tonnellate di rottame nel 2021, con un aumento dell'11,5% su base annua. I paesi dell'Ue-27 sono stati seguiti da Stati Uniti e Regno Unito, che lo scorso anno hanno esportato rispettivamente 17,9 milioni di tonnellate e 8,3 milioni di tonnellate di rottame.

A livello mondiale, la Turchia è il quarto utilizzatore di rottami nella produzione di acciaio e il primo importatore. Il presidente di EuRIC ha sottolineato che la Turchia ha importato 24,9 milioni di tonnellate di rottame nel 2021, di cui 13,1 milioni di tonnellate provenienti dai paesi dell'Ue-27. Ciò significa che oltre il 50% della produzione turca di acciaio dipende dal rottame dell'UE-27.

Nel novembre dello scorso anno, la Commissione europea ha presentato una proposta di revisione delle norme dell'Ue che disciplinano la spedizione di rifiuti, con l'obiettivo di facilitare le spedizioni di rifiuti per il riutilizzo e il riciclaggio nell'Ue, per sostenere la transizione verso un'economia circolare e per intensificare l'applicazione delle norme per contrastare le spedizioni illegali di rifiuti. Il funzionario EuRIC sostiene che le esportazioni di rifiuti non saranno totalmente vietate, ma saranno soggette a norme più rigorose, a meno che le condizioni di trattamento applicate nel paese ricevente siano «sostanzialmente equivalenti» a quelle nell'Ue. Francois ha inoltre affermato che tali condizioni saranno verificate dalla Commissione europea che, se lo desidera, può annullare l'audit e questo è il problema principale.

Le restrizioni all'esportazione di rifiuti dell'Ue comporteranno probabilmente problemi nell'approvvigionamento e un grave squilibrio nel mercato siderurgico; per esempio, un'offerta eccessiva di rottami di acciaio e un calo dei prezzi nell'Ue a vantaggio delle acciaierie locali, o la mancanza di rottami di acciaio sul mercato globale, distorcendo la concorrenza e causando uno svantaggio per la Turchia.

Olivier Francois ritiene che la Commissione debba effettuare un’ulteriore valutazione d'impatto riconsiderando i possibili risultati appena discussi e ha aggiunto che è certamente necessario un appello all'Organizzazione mondiale del commercio su questo argomento.


Articolo precedente

Alfa Acciai: presentato il primo bilancio di sostenibilità

14 dic | Notizie

Sciamarelli (Eurofer): le sfide in corso dureranno almeno fino al primo trimestre 2022

02 dic | Notizie

New Horizons: industria siderurgica turca tra le più colpite dalla carbon border tax dell'Ue

02 dic | Notizie

Germania: aziende del riciclo lamentano colli di bottiglia a livello globale

26 nov | Notizie

Energia, Arvedi: «No a discriminazioni di prezzo in Europa»

06 ott | Notizie

Gozzi: «Sì agli obiettivi di decarbonizzazione, ma con equilibrio»

05 ott | Notizie

Kemal Saraç: export turco di tubi verso l'UE in calo del 20% a causa delle quote

04 dic | Notizie

Sciamarelli (EUROFER): domanda ai minimi nel 2020 ma la quota dell'import è rimasta elevata

03 dic | Notizie

EUROFER: domanda di acciaio in ripresa nel 2021

30 ott | Notizie

Barbara Beltrame: per la ripresa necessario puntare su Industria 4.0 e promozione del Made in Italy

27 ott | Notizie