Germania e Polonia: ancora in calo i prezzi del rottame

mercoledì, 22 settembre 2021 17:54:45 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A settembre, per il secondo mese consecutivo i prezzi del rottame nel mercato tedesco e in quello polacco hanno registrato un calo. 

Siccome, sempre a settembre, il costo per la raccolta del rottame in Germania si è abbassato, alcune fonti di mercato ritengono che la principale causa di questo andamento sia l’eccesso di offerta, favorito dalla poca propensione da parte delle acciaierie ad acquistare rottame a prezzi più alti con la Turchia fuori dal mercato. Di conseguenza, il calo osservato è stato più grande di quanto preventivato. Secondo alcuni operatori, in Germania vi sarebbe in particolare ampia disponibilità di rottame E1 cesoiato, che sarebbe la causa della poca propensione all’acquisto da parte delle acciaierie. 

Una fonte di mercato ha dichiarato a SteelOrbis che, nonostante l'arretramento di 30 €/t sui prezzi di raccolta, non vi sono state variazioni nei flussi. Sempre secondo la stessa fonte, le scorte di rottame a disposizione al momento sono abbastanza da coprire la domanda di tutto il prossimo mese. I fornitori tedeschi stanno cercando di chiudere le vendite di ottobre. Parte degli ordini in partenza dalla Germania centrale ha come destinazione l’Italia nonostante gli alti costi di spedizione. Inoltre, in assenza di compratori turchi, i commercianti olandesi stanno cercando di vendere in Germania. Di conseguenza, si prevede che i prezzi del rottame nel mercato tedesco si ridurranno ulteriormente ad ottobre, fino a 30 €/t per l’E1, 5-10 €/t per le varietà più pregiate. 

Inoltre, l’aumento dei prezzi del gas nell’Unione europea sta generando incertezze tra i produttori locali. Secondo Reuters, i prezzi del gas nell’Ue sono saliti di oltre il 250% quest’anno, costringendo alcune acciaierie a interrompere la produzione. Anche se molte fonti ritengono sia troppo presto per parlare di cifre, un produttore di acciaio mondiale ha dichiarato che le sue stime iniziali indicherebbero un aumento di 40-60 €/t nei costi di produzione. Anche la crisi finanziaria del gruppo cinese Evergrande è fonte di preoccupazione per il mercato siderurgico globale, che sta monitorando la situazione attentamente. La situazione è paragonata al crac di Lehman Brothers nel 2008, anche se restano da vedere le misure che metterà in campo il governo cinese per impedire una crisi simile. Ad oggi, Pechino non ha fatto alcun annuncio riguardo Evergrande, ma alcune fonti si aspettano sviluppi nella giornata di domani, giovedì 23 settembre. Lunedì 20 settembre, in un suo rapporto, S&P Global Ratings ha dichiarato che non si aspetta alcun sostegno diretto da parte del governo cinese per il caso Evergrande a meno che non «ci sia il rischio di una reazione a catena di dimensioni globali, che causi il fallimento di diversi costruttori minacciando rischi sistemici per l’economia. Ed è improbabile che la crisi di Evergrande generi un simile scenario».

In base ai dati forniti dalla associazione dei commercianti di rottame tedeschi BDSV (Bundesvereinigung Deutscher Stahlrecycling-und Entsorgungsunternehmen e.V.), i prezzi del rottame nei primi 20 giorni di agosto sono calati di 19,7-42,3 €/t rispetto al mese precedente. L’aumento su base annua è di 109,4-212,7 €/t. 

Prezzi medi franco partenza per transazioni effettuate in tutto il territorio tedesco nei primi 20 giorni del mese. Rilevazioni a cura di Bundesvereinigung Deutscher Stahlrecycling- und Entsorgungsunternehmen e.V.

Categoria

(€/t)

Prezzo agosto 2021(€/mt)

Prezzo luglio 2021(€/mt)

Prezzo agosto 2020 (€/mt)

Var. mens. (%)

Var. annua (%)

E1

307

349,3

197,6

-42,3

109,4

E2/E8

429,4

449,1

216,7

-19,7

212,7

E3

368,4

406,6

215,8

-38,2

152,6

E40

367,4

407,3

184,7

-39,9

182,7

E5M

308,1

342,6

145,0

-34,5

163,1

Specifiche:

E1: spessore ≥ 4 mm, dimensioni massime 1,50X0,50x0,50 m (cesoiato)
E2/E8: dimensioni massime 1,50X0,50x0,50 m (lamierino)
E3: spessore ≥ 6 mm, dimensioni massime 1,50X0,50x0,50 m (demolizioni)
E40: escluso rottame incenerito o da raccolta, densità ≥ 1,1 ton/m3, Fe≥92% (proler)
E5M: escluse torniture di ghisa e di acciaio automatico (torniture)

Frattanto, in Polonia i prezzi del rottame HMS I sono scesi fino a 360-370 €/t DAP rispetto ai 420-425 €/t DAP del mese scorso. Quelli del rottame HMS II al momento si attestano 320-325 €/t DAP. Secondo alcune fonti di mercato, vi sarebbero state alcune rare offerte di HMS II a 330 €/t DAP. Inoltre, per lamierino e P&S i prezzi nel mercato locale polacco si attestano a 380-390 €/t DAP. SteelOrbis ha anche appreso che l’offerta di rottame da parte delle acciaierie polacche è buona grazie ai loro tassi di produzione costanti. Di conseguenza, i produttori del paese sono ben disposti a fornirne. Nel corso di ottobre, si prevede che i prezzi del rottame in Polonia avranno un andamento stabile. 


Articolo precedente

Turchia, rottame: prezzi import ancora in aumento, si rafforza il mood rialzista

28 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame “deep sea” in rialzo nell’ultimo scambio col Regno Unito

25 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: inversione di tendenza per l’import di rottame, scambi ancora in calo

23 nov | Rottame e materie prime

India, rottame: prezzi import in calo, molta attività per anticipare l'inversione di tendenza

23 nov | Rottame e materie prime

Stati Uniti, rottame: previsti prezzi stabili o al ribasso per dicembre

23 nov | Rottame e materie prime

Rottame, Turchia: i prezzi franco Baltico resistono al trend ribassista, potrebbero portare a un aumento

21 nov | Rottame e materie prime

Pakistan: in aumento l’import di rottame a ottobre

21 nov | Notizie

India: modificate le tariffe su import ed export

21 nov | Notizie

Turchia, prezzi in calo nel mercato locale del rottame

18 nov | Rottame e materie prime

Turchia, rottame franco USA in discesa a 339,5 $/t CFR

18 nov | Rottame e materie prime