Formazione e siderurgia: uno sguardo al resto del mondo

venerdì, 02 agosto 2019 14:50:05 (GMT+3)   |   Brescia
       

La formazione è la chiave per garantire la crescita. Naturalmente non sono soltanto le aziende italiane ad aver fatto proprio questo assunto, bensì le imprese di tutto il mondo. SteelOrbis Italia, avvalendosi del contributo delle filiali di Istanbul, Shanghai e San Diego, ha tracciato un quadro generale di come le imprese siderurgiche straniere affrontano il tema.

La maggior parte delle aziende turche si assicura che i propri ingegneri e tecnici migliorino costantemente le proprie competenze. Ad esempio, i lavoratori partecipano a meeting e fiere con l'obiettivo di scoprire nuove tecnologie. Aziende come Çelik Halat organizzano inoltre sessioni di training e seminari "in house" per poter trasmettere ai propri collaboratori informazioni e competenze. Esiste inoltre presso la camera nazionale degli ingegneri un centro didattico per la metallurgia che organizza numerose lezioni nel corso dell'anno.

Anche le aziende siderurgiche cinesi destinano una parte dei loro investimenti alla formazione del personale. Organizzano seminari, in particolare per i lavoratori presso le linee produttive, per discutere di nuove tecnologie e per una condivisione delle esperienze. Gli stessi lavoratori vengono inviati a visitare gli impianti dotati dei miglior sistemi di gestione. Oppure, le aziende danno ai propri dipendenti l'opportunità di ampliare le loro competenze attraverso la partecipazione a lezioni presso centri educativi quali scuole professionali e università. Come in Italia, poi, esiste una sorta di contratto di apprendistato per i nuovi collaboratori, che vengono affiancati da tutor o supervisori che li aiutano a prendere familiarità con i processi lavorativi.

Guardando all'al di là dell'Atlantico, l'Institute of Scrap Recycling Industries (ISRI) negli Stati Uniti organizza conferenze che dedicano ampio spazio al tema della forza lavoro. In particolare, si occupa della promozione delle scuole tecniche e del reclutamento di giovani studenti da inserire nel mondo del lavoro. Ma anche di uguaglianza di genere e diversità, cross training e tutta una serie di pratiche per evitare che i dipendenti sviluppino una disaffezione al lavoro.

Va infine menzionato il progetto Steeluniversity della World Steel Association. Si tratta di un'iniziativa nata agli inizi del 2002 in risposta al calo della forza lavoro qualificata riscontrato all'interno dell'industria siderurgica mondiale. Steeluniversity è una raccolta di risorse di "e-learning" e simulazioni interattive che riguardano i principali aspetti della produzione siderurgica. Il suo scopo è quello di informare gli studenti universitari e i loro insegnanti delle tecnologie del settore siderurgico e attrarre giovani qualificati all'interno dell'industria, ma non solo. Steeluniversity punta anche a ridurre il costo della formazione presso le aziende siderurgiche fornendo loro del materiale gratuito. La World Steel Association, attraverso Steeluniversity, promuove inoltre in collaborazione con università e aziende dei corsi online rivolti a studenti e lavoratori. Infine, Steeluniversity organizza ogni anno "steelChallenge", una competizione alla quale possono partecipare sia studenti sia lavoratori dell'industria siderurgica mondiale. Ai partecipanti viene solitamente chiesto di produrre una particolare qualità di acciaio al costo più basso.


Ultimi articoli collegati

Cina: Hesteel abbassa i prezzi del tondo

India: avviata indagine sull'import di acciaio inox dall’Indonesia

Export di tubi strutturali dagli USA in aumento ad agosto, calano su base annua

USA: importazioni di laminati mercantili in forte aumento su base annua

India: lieve calo dei prezzi della vergella