BIR: nel primo semestre consumo di rottame in calo del 10,5% a livello mondiale

martedì, 20 ottobre 2020 15:43:39 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il consumo totale di rottame nei paesi e nelle regioni chiave del mondo è stato di 209,834 milioni di tonnellate nei primi sei mesi del 2020, facendo registrare un calo del 10,5% rispetto ai 243,536 milioni di tonnellate registrati nello stesso periodo dello scorso anno. A riferirlo è stato il Bureau of International Recycling (BIR) nel suo ultimo report dal titolo "World Steel Recycling in Figures". 

Nel primo semestre del 2020, c'è stata una diminuzione del 7,3% nel consumo di rottame da parte della Cina, che si è fermata a 93,75 milioni di tonnellate rispetto ai 101,13 milioni dello stesso periodo del 2019. Tuttavia, il consumo di rottame nel paese asiatico è cresciuto del 25,7% dal primo trimestre al secondo trimestre di quest'anno, raggiungendo quota 52,22 milioni di tonnellate. I dati confermano che la Cina è ancora il più grande consumatore di rottame a livello globale. Il BIR prevede che la Cina aumenterà il numero degli stabilimenti a forno elettrico nei prossimi anni, di conseguenza la generazione di rottame all'interno del paese dovrebbe crescere rapidamente nel prossimo decennio.

Secondo quanto riportato dal BIR, nella prima metà del 2020 il consumo di rottame è diminuito del 13,3% nell'UE-28, fermandosi a 39,812 milioni di tonnellate. Allo stesso tempo, è calato del 18,9% negli Stati Uniti, a 20,2 milioni di tonnellate, e del 7,3% in Russia, a 13,551 milioni di tonnellate. Il consumo di rottame in Turchia si è attestato a 13,658 milioni di tonnellate, facendo segnare un calo del 4,3% in termini tendenziali. Sempre in Turchia, la riduzione della produzione dei forni elettrici ad alta intensità di rottame (-4,3%, a 11,419 milioni di tonnellate) è stata leggermente più pronunciata rispetto al calo della produzione di acciaio grezzo del paese (-4,1%). Tuttavia, il paese resta il ​​principale importatore di rottame a livello globale con 9,009 milioni di tonnellate acquistate all'estero nei primi sei mesi del 2020 (+7,8%).

Allo stesso tempo, l'UE-28 è rimasta il più importante esportatore di rottame con 9,776 milioni di tonnellate, dato in calo del 10,7% su base annua. Il principale esportatore di rottame dell'UE-28 è stato il Regno Unito con spedizioni pari a 2,501 milioni di tonnellate (-25,2%). Nel frattempo, le esportazioni di rottame dagli USA sono diminuite del 2,3%, a 8,401 milioni di tonnellate. Al contrario, il Giappone ha registrato una crescita del 38,2% nelle proprie esportazioni, arrivate a quota 4,884 milioni di tonnellate in gennaio-giugno.


Ultimi articoli collegati

Rottame, i prezzi raggiungono i 350 $/t nell'ultimo scambio tra UK e Turchia

Italia, commercio extra UE: nei primi nove mesi export in calo del 15,7%

Associazioni italiane del riciclo: usare il Recovery Fund per il rilancio del settore

Rottame UE, EuRIC contro possibili restrizioni all'export

Forte calo delle esportazioni USA di rottame a settembre