JSW Steel Italy, martedì la presentazione del piano industriale

venerdì, 11 settembre 2020 10:38:01 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il piano industriale per lo stabilimento JSW Steel Italy di Piombino sarà presentato martedì 15 settembre alle 10:00. Lo hanno annunciato in una nota i sindacati di Fim, Fiom e Uilm, spiegando che è arrivata la convocazione da parte del Ministero dello Sviluppo economico per mezzo di una lettera firmata dal sottosegretario Alessia Morani. All'incontro, che si svolgerà nella direzione del sito piombinese, sono stati invitati oltre al Ministero e ai vertici aziendali anche il Ministero dell'Ambiente e il Ministero del Lavoro, la Regione Toscana, il Comune di Piombino, la Provincia di Livorno, i sindacati, l'agenzia del Demanio, Invitalia e l'Autorità di sistema portuale. 

«La presentazione del piano industriale – hanno scritto Fim, Fiom e Uilm – è attesa da tutto il territorio, ma dopo anni di annunci di promesse e rinvii, di campagne elettorali fatte sulle spalle dello stabilimento e dell'intero comprensorio, adesso l'auspicio è che siano non solo annunci ma atti concreti. Deve essere fin da subito chiaro al Governo e al Gruppo JSW che non accetteremo nessun piano industriale che preveda tagli al personale». I sindacati hanno chiesto inoltre un cronoprogramma con tempi certi, controlli e sanzioni in caso di inadempimenti, immissione di liquidità per gli investimenti sugli impianti attualmente in marcia e per interventi di manutenzione e, ancora, la garanzia di ammortizzatori sociali, innanzitutto per i lavoratori di Piombino Logistics che a ottobre vedranno scadere l'attuale cassa integrazione in deroga. 

Dopo l'incontro si terrà un consiglio di fabbrica per un aggiornamento con la Rsu di JSW Italy, Piombino Logistics e GSI e in seguito i lavoratori saranno informati tramite assemblee. 


Ultimi articoli collegati

Costruzioni, in Italia indice della produzione in crescita ad agosto

Federacciai: bene l'indagine UE contro i piani inox indiani e indonesiani

Ex Ilva, Banzato (Federacciai): sì allo stato traghettatore, non imprenditore

Alessandro Banzato: bene Recovery Fund, nuovo MES e SURE ma necessario agire subito

Assofond: produzione in calo del 28,5% in gennaio-luglio