Ex Ilva: l'accordo slitta all'11 dicembre, oggi incontro MiSE-sindacati

lunedì, 30 novembre 2020 12:16:01 (GMT+3)   |   Brescia
       

L'accordo sull'ex Ilva andrà "ai tempi supplementari" slittando di dieci giorni rispetto a quanto inizialmente previsto. Secondo fonti di stampa, infatti, la data decisiva per l'ingresso dello Stato nel siderurgico tarantino sarà l'11 dicembre. ArcelorMittal si impegnerà attraverso una lettera indirizzata a Invitalia e Ilva in A.S. a non recedere dal contratto di coinvestimento fino ad allora. 

Intanto, per le 12 di oggi 30 novembre, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha convocato i segretari generali dei sindacati metalmeccanici (Fiom, Uilm, Fim, Uglm e Usb) per illustrare loro i punti principali dell'intesa. Entro i primi mesi del 2021 lo Stato, attraverso un aumento di capitale, tornerà a gestire il gruppo al 50% attraverso un investimento di 400 milioni di euro. Il CdA sarà di sei membri, tre in quota Invitalia che indicherà il presidente e tre di ArcelorMittal che nominerà l'amministratore delegato. Durante una seconda fase, la quota di partecipazione di Invitalia salirà al 60%: a giugno 2022 ci sarà un doppio aumento di capitale con altri 800 milioni che l'agenzia immetterà nel siderurgico. 

«L'accordo finanziario che prevede l'ingresso per ora in quota paritaria e per il 2022 in quota maggioritaria dello Stato italiano è una base utile per dare continuità produttiva, mantenere impegnato il gruppo ArcelorMittal sulle strategie industriali – ha commentato il segretario generale della Fim Cisl, Roberto Benaglia –. Ma non dimentichiamoci che siamo in questo momento nel peggiore anno di gestione del gruppo nella sua storia e per garantire l'occupazione non basteranno impegni generici». 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, prezzi ancora in rialzo nel mercato UE

Eusider Group acquisisce Bidue e punta su verticalizzazione e internazionalizzazione

Duferco Travi e Profilati, dopo il rebranding obiettivo leadership in Europa

Ex Ilva, entro il 10 febbraio la decisione dell'antitrust UE sull'ingresso di Invitalia

ArcelorMittal Italia, ripartono alcuni impianti mentre viene prorogata la Cig per Covid