Tubi saldati, scarso livello di attività sul mercato europeo

martedì, 26 febbraio 2019 17:48:49 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nonostante il movimento rialzista dei prezzi dei piani, dovuto all'annuncio di un nuovo aumento di 30 dollari da parte di ArcelorMittal, i compratori europei restano prudenti negli acquisti di coils laminati a caldo (HRC). Anche i produttori europei di tubi saldati sono restii ad acquistare materie prime e, rispetto ad una settimana fa, i prezzi dei tubi saldati sono rimasti stabili a livello europeo a fronte dell'assenza di transazioni significative. Anche questa settimana la situazione appare calma sotto il profilo degli scambi. Secondo le fonti, i prezzi dei tubi saldati a marzo si muoveranno in linea con le quotazioni degli HRC in assenza di una significativa ripresa della domanda. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un produttore bulgaro di tubi saldati offre tubi ERW a norma EN 10219 a 570-580 €/t franco produttore.
Nel dettaglio, lo stesso produttore offre tubi saldati verso la Germania a 600-610 €/m CPT, verso l'Ungheria a 575-580 €/m CPT, verso l'Australia a 585-590 €/m CPT, verso Belgio e Paesi Bassi a 615-620 €/mt CPT. Infine, le sue offerte per Repubblica Ceca, Polonia, Croazia e Slovacchia sono a 610-620 €/t CPT, mentre quelle destinate in Slovenia sono a 615-620 €/t CPT.


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran