Lieve calo della domanda di tubi saldati in Europa, prezzi stabili

mercoledì, 19 giugno 2019 14:54:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

I prezzi dei tubi saldati sono rimasti invariati sul mercato bulgaro rispetto alla scorsa settimana. Tuttavia, dal momento che le quotazioni del rottame sono diminuite, dovrebbe interrompersi il trend rialzista dei prezzi dei coils laminati a caldo (HRC), prodotto utilizzato come materia prima per i tubi. Ad ogni modo, le fonti intervistate ritengono che i produttori bulgari possano aumentare i prezzi di 10 euro la tonnellata a luglio, per fare fronte al calo dei margini di profitto e agli elevati costi di input. Nel frattempo, la domanda di tubi saldati è calata leggermente a livello europeo a causa dell'inizio della stagione estiva, ma nel complesso è rimasta discreta. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un produttore bulgaro di tubi saldati offre tubi ERW a norma EN 10219 a 550-560 €/t franco produttore.
Nel dettaglio, lo stesso produttore offre tubi saldati verso la Germania a 610-620 €/m CPT, verso la Romania a 575-585 €/m. verso l'Ungheria a 580-590 €/m, verso il Belgio e i Paesi Bassi a 630-640 €/m CPT. Infine, le sue offerte per Slovacchia, Slovenia e Costa Rica sono a 585-600 €/m CPT, mentre quelle destinate in Repubblica Ceca, Polonia e Austria sono a 590-605 €/m CPT.


Ultimi articoli collegati

Italia, commercio extra UE: esportazioni a +5,2% in gennaio-novembre

Import statunitense di acciaio in calo del 17,3% nel 2019

USA: mercato degli OCTG in lieve ribasso, negative le previsioni sul prezzo del petrolio

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana