Rebar & Wire Rod Conference: qual è l'equilibrio ideale tra acciaio domestico e importato?

mercoledì, 23 gennaio 2019 13:00:41 (GMT+3)   |   San Diego
       

Alla domanda riguardo ad un equilibrio ideale tra acciaio domestico e acciaio importato negli USA, i partecipanti alla 10ª Rebar &Wire Rod Conference di SteelOrbis, tenutasi a Las Vegas il 21 gennaio, non sono riusciti a trovare un’opinione comune. Chris Casey, presidente dell’Independent Steel Alliance, ha affermato che “ci sarà sempre posto per prodotti importati”, nonostante molti acquirenti di tondo preferiscano il materiale prodotto negli Stati Uniti per varie ragioni, tra cui la logistica e “l’orgoglio”.

L’acciaio importato offerto a prezzi ragionevoli nel mercato statunitense copre una “domanda non soddisfatta” di prodotti negli USA, ha dichiarato Casey, aggiungendo che le importazioni sono inoltre necessarie per consentire ai consumatori di essere competitivi. Secondo John Foster, presidente di Kurt Orban Partners e dell’American Institute for International Steel (AIIS), l’acciaio importato serve anche a “far sì che le acciaierie americane mantengano prezzi onesti”.

Tom Gibson, presidente e amministratore delegato dell’American Iron and Steel Institute (AISI), concorda sul fatto che le importazioni faranno sempre parte del mercato siderurgico statunitense, e immagina che i produttori americani non saranno mai in grado di soddisfare l’intero mercato per conto proprio.

Casey ha dichiarato che, anche nel caso in cui le acciaierie USA aumentassero la capacità al punto da fornire molto più materiale di quanto fanno attualmente, nel caso specifico degli acciai lunghi, rimarrebbe il problema della distribuzione: “Il problema è che la maggior parte delle acciaierie hanno una vasta gamma di prodotti - ha spiegato Casey - perciò in che modo è allocata la produzione dei diversi prodotti?”. Il presidente dell’Independent Steel Alliance ha aggiunto che produrre acciai che garantiscono margini di profitto più elevati, come per esempio i laminati mercantili, “ha senso” dal punto di vista aziendale, ma esiste una maggiore domanda di tondo, e gli acquirenti potrebbero non essere in grado di procurarsi l’intero volume di cui necessitano, che è un'altra ragione per cui le importazioni sono una componente fondamentale del mercato siderurgico negli Stati Uniti.

Secondo i partecipanti, acciaio domestico e acciaio importato nel mercato USA non devono essere necessariamente in conflitto. Gibson e Foster concordano su alcuni interessi in comune tra le loro rispettive organizzazioni, inclusa la lotta al problema della sovraccapacità globale. Entrambi sono inoltre d’accordo sul fatto che l’attuale chiusura del governo statunitense provoca un effetto negativo sull'industria siderurgica, in particolare per quanto riguarda le domande di esclusione dalle tariffe della Section 232, bloccate finché il Dipartimento del Commercio rimane chiuso.


Tags:
USA , Nord America , opinioni , conferenze | articoli simili »