Rebar and Wire Rod Conference: prezzi e dazi le principali fonti di preoccupazione

martedì, 08 giugno 2021 11:53:11 (GMT+3)   |   San Diego
       

SteelOrbis ha ospitato ieri la dodicesima edizione della sua Rebar and Wire Rod Conference, tenutasi virtualmente in concomitanza con il World of Concrete Expo di Las Vegas e dedicata a una serie di argomenti legati ai mercati statunitensi del tondo e della vergella.

Una delle principali preoccupazioni continua ad essere rappresentata dai dazi della Section 232 e, in particolare, dal loro impatto durante la ripresa dalla crisi dovuta alla pandemia di Covid-19. Nonostante le tariffe siano in vigore da ormai tre anni, il dibattito sull'opportunità di mantenerle in vigore è quanto mai acceso.

Katie Memmel, Content Manager di SteelOrbis, ha osservato che i prezzi degli acciai finiti sono aumentati nell'ultimo anno e ha chiesto ai relatori quale ruolo abbiano avuto le tariffe in tale aumento. 

«Molto di ciò è dovuto a vincoli dell'offerta», ha affermato Chris Casey, direttore esecutivo di Independent Steel Alliance, aggiungendo che, mentre i prezzi dei fogli in acciaio sono più che triplicati, i prodotti lunghi sono aumentati in misura inferiore. «I prezzi sarebbero aumentati allo stesso modo senza la Section 232? Assolutamente no», ha asserito. 

Diversa l'opinione del presidente dell'Associazione dei produttori di acciaio Philip Bell, il quale ha dichiarato che i prezzi sono stati trainati dalla domanda repressa, dal rialzo delle quotazioni del rottame e dall'economia resiliente del Paese.
«Tenendo conto di una domanda superiore al normale e di prezzi del rottame più alti, gli aumenti cui abbiamo assistito hanno perfettamente senso», ha sostenuto.

Memmel ha ricordato che alcune associazioni siderurgiche e l'USW hanno inviato al presidente degli Stati Uniti Joe Biden una lettera in cui si afferma che l'eliminazione delle tariffe sull'acciaio minerebbe la redditività dell'industria siderurgica nazionale. «Qualcuno vuole eliminare le tariffe per aumentare l'offerta di acciaio, e le importazioni sono state storicamente un modo per tenere sotto controllo i prezzi dell'acciaio», ha commentato Memmel. «Con i produttori statunitensi che producono all'80% della propria capacità, qual è il motivo per cui il mantenimento delle tariffe appare giustificato?».

Bell ha affermato che la prima cosa che deve essere esaminata è il tasso di utilizzo della capacità interna, che «deve essere superiore all'80% per un periodo di tempo prolungato». Il presidente dell'Associazione dei produttori di acciaio statunitensi ha portato all'attenzione un recente studio di McKinsey Group, secondo cui il tasso ottimale è vicino all'85% e la scorsa settimana il tasso di utilizzo della capacità ha raggiunto l'81,5% per la prima volta dall'inizio della pandemia. «Le tariffe hanno creato un terreno di confronto uniforme» ha sottolineato.

Casey ha detto di non essere d'accordo e ha affermato di non capire il motivo per cui, con le tariffe in vigore ormai da molto tempo, il tasso di utilizzo della capacità non abbia già raggiunto livelli più elevati. 
«Quando è stata annunciata la Sezione 232, ci è stato detto che i prezzi non sarebbero aumentati», ha continuato. «Sembra tuttavia che i produttori stiano ottenendo un enorme vantaggio dalla 232, mentre i consumatori ne stanno subendo il peso maggiore. In che misura l'industria è diventata dipendente dalle tariffe? I dazi sono diventati gli oppioidi dell'industria siderurgica?».

Casey ha inoltre sottolineato che l'aumento dei prezzi dell'acciaio e i vincoli di fornitura stanno danneggiando i fabbricatori indipendenti.
«Quello che sento in giro è che c'è un grosso problema con la disponibilità di acciaio. Non ce n'è molto e questa è la realtà. Se ci fosse abbondanza di acciaio non vedremmo questi prezzi», ha affermato Casey. «L'aumento dei prezzi ha anche un impatto sui fabbricatori, perché quando questi acquistano dall'acciaieria viene detto loro che riceveranno il prezzo quando vedranno la fattura. Sono sfidati anche dal lato dell'offerta, perché non solo devono garantire un prezzo ai loro clienti, ma devono garantire anche la fornitura. Ci sono aziende là fuori che scelgono di non fare offerte [su un progetto] o che si allontanano dalle offerte perché non sanno se avranno l'acciaio a loro disposizione. Le officine di fabbricazione di proprietà di un'acciaieria hanno tutto l'acciaio di cui hanno bisogno, mentre sembra che le aziende indipendenti ottengano ciò che rimane. È un mercato impegnativo e difficile per i fabbricatori indipendenti in questo momento».

Ciò su cui hanno convenuto Casey e Bell è che i prezzi dell'acciaio negli USA subiranno una correzione a un certo punto. Tuttavia, un sondaggio somministrato ai partecipanti all'evento ha evidenziato che i prezzi potrebbero restare elevati ancora per un po': solo il 5% degli intervistati ha affermato che i prezzi diminuiranno nel terzo trimestre, mentre Il 60% ha affermato che si registreranno diminuzioni soltanto nel 2022.


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, crescono le importazioni negli USA

USA: ITC dà il via libera a un dazio sulla rete metallica importata dal Messico

Export USA di lamiere in coils in crescita a maggio

USA: importazioni di vergella in crescita a maggio

USA: importazioni di lamiere in coils in calo a maggio da aprile