Italia: più contenuto a giugno il calo delle vendite dei veicoli commerciali

mercoledì, 15 luglio 2020 15:18:20 (GMT+3)   |   Brescia
       

Grazie alla piena ripresa delle attività a seguito della fine del lockdown, nel mese di giugno il calo delle immatricolazioni dei veicoli commerciali in Italia è stato molto più contenuto rispetto a quello registrato nei mesi precedenti ossia pari al 5,8%.

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall'UNRAE, associazione che rappresenta le case automobilistiche estere, nel mese di marzo sono stati venduti 16.000 autocarri con portata fino a 3,5 tonnellate. Il primo semestre del 2020 si chiude così con una flessione del 36% su base annua, a 61.749 unità immatricolate.

Michele Crisci, presidente UNRAE, ha affermato che «il nostro Paese sta cercando di tornare a livelli più regolari di operatività, ma lo scenario di grande incertezza non giova alla domanda interna e agli investimenti delle aziende. Nonostante le profonde difficoltà – ha continuato – il governo italiano tarda a mettere in campo seri interventi strutturali di sostegno al settore automotive e al comparto dei veicoli da lavoro». Secondo Crisci «senza misure quali incentivi per l'acquisto di veicoli nuovi a fronte di rottamazione di quelli più obsoleti e l'aumento del credito d'imposta dal 6 al 12%, il mercato si avvia a chiudere l'anno 2020 con una caduta del 26% e 140.000 veicoli complessivamente immatricolati».

Daniel Bettelli


Ultimi articoli collegati

Veicoli commerciali UE, Italia unico mercato principale in ripresa sia a luglio che ad agosto

Automotive, UNRAE e Federauto chiedono il prolungamento degli incentivi

UE: immatricolazioni auto in diminuzione nei primi otto mesi dell’anno

Italia: immatricolazioni veicoli commerciali in positivo a luglio e agosto

Immatricolazioni Italia: gli incentivi frenano il calo ad agosto