Europa, coils a caldo: prezzi ancora in calo ma potrebbero aver raggiunto il minimo, prezzi importazioni stabili

venerdì, 19 aprile 2024 16:52:31 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Sebbene i prezzi locali dei coils laminati a caldo (HRC) siano nuovamente diminuiti di circa 10-20 €/t, alla fine di questa settimana la maggior parte dei produttori ha indicato una stabilizzazione dei prezzi, dato che la maggior parte di essi è schiacciata dai costi. Inoltre, anche la maggior parte dei prezzi import si è stabilizzata, con alcune offerte che hanno addirittura mostrato una tendenza al rialzo, mentre l'attività commerciale è rimasta lenta a causa della domanda limitata da parte di tutti i principali utilizzatori di acciaio.

In particolare, mentre le offerte delle acciaierie italiane sono scese ancora una volta di circa 10-20 €/t nell'ultima settimana, fino a 630 €/t franco produttore per consegne principalmente a maggio, i prezzi di scambio sono stati stimati a 610-620 €/t franco produttore, contro i 630-640 €/t della scorsa settimana. Inoltre, le offerte dei produttori di HRC del nord sono state stimate a 630-640 €/t franco produttore per le consegne di maggio-giugno, con un calo di 20 €/t rispetto alla settimana precedente, mentre i prezzi praticabili si sono assestati a 620-630 €/t franco produttore, secondo le fonti.

«È ancora decisamente presto per parlare di una ripresa significativa dei prezzi, ma la maggior parte delle acciaierie si aspetta una stabilizzazione, poiché non c'è margine per un ulteriore calo, anche se il rifornimento è lento sia al nord che al sud», ha dichiarato a SteelOrbis un insider del mercato, aggiungendo: «Alcuni sono più positivi e parlano addirittura di un aumento dei prezzi locali di 30 €/t nella prossima tornata di prenotazioni, ma è difficile condividere il loro ottimismo vista la domanda attuale».

Nel frattempo, la maggior parte dei prezzi degli HRC d'importazione si è stabilizzata e alcuni si sono addirittura rafforzati, sostenendo un sentiment più positivo nella regione. In particolare, la maggior parte delle offerte di HRC dall’Asia è stata espressa a 580-610 €/t CFR, contro i 560-600 €/t CFR della scorsa settimana. Secondo le fonti, l'attività commerciale è rimasta limitata, con solo poche offerte per gli HRC franco Giappone a 590 €/t CFR nell'Europa meridionale.

Inoltre, la maggior parte delle offerte franco India si è mantenuta intorno ai 635 $/t CFR Spagna, ovvero circa 595 €/t CFR, come la scorsa settimana. Tuttavia, le offerte di alcuni commercianti per i coils dall’India sono leggermente aumentate a 645 $/t CFR (605 €/t), con pagamento differito a 90 giorni. Allo stesso tempo, secondo le fonti, in Portogallo sono state segnalate diverse offerte per un totale di circa 20.000 tonnellate di HRC dall’India a 610 $/t CFR, che si traduce in circa 573 €/t CFR, anche se questa informazione non è stata confermata ufficialmente al momento della pubblicazione.

1 $ = 0,94 €


Articolo precedente

Romania, piani: stabile il mercato locale nonostante il calo dell’attività

17 mag | Piani e bramme

UE: esaurite le quote di importazione della Turchia per vergella e profilati cavi

17 mag | Notizie

Europa, coils laminati a caldo: le acciaierie rifiutano di abbassare i prezzi malgrado la debolezza della domanda

16 mag | Piani e bramme

Turchia, coils a caldo: importazioni scarse per via della domanda debole e della cautela degli acquirenti

16 mag | Piani e bramme

Liberty Steel valuta la cessione delle attività in Benelux e Italia

16 mag | Notizie

Pakistan, coils a caldo: stabili i prezzi import, ma le richieste diminuiscono a causa della domanda debole

16 mag | Piani e bramme

Gli acquirenti del Consiglio di cooperazione del Golfo mostrano interesse per i coils a caldo cinesi, mentre le offerte ...

16 mag | Piani e bramme

Messico, consumo di coils a caldo stabile a marzo

16 mag | Notizie

Vietnam, coils a caldo: il mercato import manca di chiarezza, si allarga il divario con le offerte dei fornitori

15 mag | Piani e bramme

Cina, coils laminati a freddo: i prezzi di offerta scendono a causa del declino dei prezzi locali e dei futures

15 mag | Piani e bramme