Barış Çifçti: industria siderurgica globale sull'orlo di una transizione

giovedì, 01 dicembre 2022 12:34:52 (GMT+3)   |   Istanbul
       

In occasione della diciassettesima conferenza SteelOrbis “New Horizons in Steel Markets”, tenutasi il 30 novembre a Istanbul, Barış Çiftçi, direttore dell'analisi industriale presso la World Steel Association (Worldsteel), ha condiviso gli ultimi sviluppi sulla domanda globale di acciaio, i timori di una recessione, gli effetti della crisi energetica sull'industria siderurgica e le prospettive in Cina, e ha anche parlato delle tendenze che guideranno l'industria siderurgica nel prossimo futuro.

Secondo Çiftçi, dopo il periodo 2015-2016 in cui la domanda di acciaio era debole, il biennio 2017-2018 può essere definito come un "buon periodo" per l'industria siderurgica, poiché la domanda è aumentata e le esportazioni cinesi si sono normalizzate. Dopo aver iniziato bene il 2019, l'industria ha registrato un forte calo nella seconda metà dell'anno a causa della dimuzione delle vendite del settore automobilistico e del calo della produzione globale. Sebbene ci fossero aspettative positive per il 2020, si è osservato un calo molto più marcato del mercato con lo scoppio della pandemia, e la guerra tra Russia e Ucraina ha portato le cose in una direzione completamente diversa.

Condividendo i dati di Worldsteel, Çiftçi ha affermato che la domanda globale di acciaio è stata di 1,84 miliardi di tonnellate nel 2021 ma si prevede che diminuirà del 2,3% nel 2022, attestandosi a 1,8 miliardi di tonnellate. Tuttavia, ha aggiunto che la domanda globale potrebbe diminuire anche di più. Per il 2023, Worldsteel prevede che la domanda globale di acciaio aumenterà dell1% a 1,9 miliardi di tonnellate. A livello regionale, nel 2022, la domanda di acciaio dovrebbe diminuire del 3,5% nell'UE e del 9,2% in Russia e in altri paesi della CIS, mentre nel 2023 si prevede un calo dell'1,3% e del 6,7%, rispettivamente. Nelle regioni in via di sviluppo come il Medio Oriente, l'Africa e i paesi dell'ASEAN, la domanda di acciaio dovrebbe mostrare uno sviluppo positivo nel 2022 e nel 2023. Pertanto, la domanda di acciaio in queste regioni dovrebbe aumentare del 2,4%, 3,2% e 5,8% quest'anno, rispettivamente, e del 3,4%, 4,4% e 6% nel 2023.

Per quanto riguarda le aspettative a breve e medio termine per i mercati globali, Çiftçi ha condiviso i dati del PMI per l'industria manifatturiera e le prospettive per l'industria siderurgica. I dati del PMI si stanno muovendo verso il basso dalla metà del 2021: «Se guardiamo i dati secondari di questo indice e i nuovi ordini, si può vedere un calo ancora maggiore. Ciò dimostra che l'aspettativa di una recessione globale è realistica. Tuttavia, la Cina ha recentemente mostrato una certa stabilità. Per quanto riguarda l'inflazione, stiamo assistendo a una ripresa dei prezzi delle materie prime, a tassi di nolo troppo alti durante la pandemia che ora si stanno normalizzando. Sebbene questi sviluppi non si riflettano ancora nei dati ufficiali, lo faranno nei prossimi mesi. Inoltre, è prevista una normalizzazione nel settore automobilistico nel 2023. Come risultato di questi indicatori, nel prossimo periodo potrebbe arrivare un serio sostegno all’l'industria siderurgica», ha affermato.

Çiftçi ha inoltre detto che la Cina dovrebbe cambiare la politica economica basata sugli investimenti che ha attuato con successo negli ultimi 40 anni, perché negli ultimi 10 anni questo modello ha reso l'economia del paese dipendente dagli investimenti immobiliari e infrastrutturali e non fornisce una crescita di alta qualità. Tuttavia, è molto difficile cambiare questa politica ed è per questo che gli alti e bassi nel paese continueranno.

Secondo il funzionario di Worldsteel, si prevede una ripresa del mercato globale a partire dalla seconda metà del 2023. In questo contesto, ha affermato che i possibili effetti della ripresa in Cina, nel settore automobilistico e nelle forniture influenzeranno positivamente l'industria siderurgica e, di conseguenza, la domanda di acciaio potrà essere sostenuta da importanti investimenti infrastrutturali e nei settori non energetici in modo tale da non scendere al di sotto di un certo livello. Tuttavia, ha aggiunto che non è chiaro come si comporteranno le economie con un debito estero molto elevato in questa situazione.

Çiftçi ha affermato che il mondo sta entrando in una nuova era e si trova in un periodo di transizione, quindi la struttura dei settori che utilizzano l'acciaio e, di conseguenza, la struttura della domanda di acciaio cambierà. In questo contesto, anche se non si prevede che il settore delle costruzioni subirà una rapida trasformazione in quanto ha troppi materiali di input, si prevede che a lungo termine l'uso della costruzione modulare e degli elementi prefabbricati, che sono metodi di costruzione più moderni, dovrebbe aumentare. Secondo Çiftçi, l'uso dell'acciaio nel settore delle costruzioni aumenterà con l'aumentare dell'altezza e della flessibilità degli edifici e con la diffusione dell'uso dell'energia solare e degli smart system. Per quanto riguarda il settore automobilistico; Çiftçi ha affermato che l'aumento dell'accesso ai servizi di car pooling, il passaggio dai motori a combustione interna ai veicoli elettrici e l'uso di veicoli autonomi porteranno molti cambiamenti nell'industria siderurgica. Come risultato di questi sviluppi, la domanda di acciaio da parte dell'industria automobilistica potrebbe diminuire e i progetti potrebbero cambiare. Pertanto, il vantaggio del consumo di acciaio nell'industria automobilistica potrebbe essere ridotto.

Secondo Çiftçi, i passi che l'industria siderurgica può compiere per far fronte a queste trasformazioni globali includono lo sfruttamento del previsto aumento dell'offerta di rottame, il passaggio di almeno un terzo degli altiforni a impianti alimentati con minerale ferroso preridotto (DRI) e l'utilizzo di idrogeno verde e biocarburanti nella produzione. Tuttavia, questi cambiamenti non sono facili da implementare; allo stesso tempo, il passaggio al sistema DRI non sarebbe sufficiente e l'intera catena del valore dovrebbe spostarsi verso una produzione più verde. Inoltre, si prevede che le aziende che dispongono di know-how in materia di rottame otterranno vantaggi in futuro, poiché l'importanza dell'utilizzo del rottame è aumentata in questo periodo di transizione.


Articolo precedente

Le acciaierie turche continuano a subire forti pressioni all’esportazione

29 nov | Notizie

I rappresentanti dell'industria siderurgica si incontrano all’Eurometal & YISAD Steel Conference

27 apr | Notizie

Ugur Dalbeler: potrebbe volerci più tempo a risolvere i problemi

01 dic | Notizie

IREPAS, fornitori di materie prime: scarsa domanda di rottame ad eccezione dell'Asia sud-orientale

11 ott | Notizie

Sciamarelli (EUROFER): ripresa della domanda soltanto nel 2021, necessario difendersi dall'import

14 mag | Notizie

IREPAS: la domanda di tondo estero è destinata a ridursi nei paesi MENA

03 apr | Notizie

Turchia: l'associazione degli esportatori considera vitale lo shale gas

09 gen | Notizie

Turchia: l'output di acciaio supererà i 36 milioni di tonnellate nel 2014

02 dic | Notizie

Assofermet/SteelOrbis: gli acciai piani turchi sono destinati a crescere sull'export

27 nov | Notizie

Assofermet/SteelOrbis: Burçak Odabaşı sulla siderurgia turca e il commercio con l'UE

19 nov | Notizie