Italia: prezzi del rottame in rialzo a marzo?

martedì, 26 febbraio 2019 16:50:56 (GMT+3)   |   Brescia
       

Come riportato precedentemente, questo mese i prezzi del rottame in Italia hanno recuperato 10-15 euro, ovvero circa metà di quanto avevano perso a gennaio, grazie sia a una discreta domanda sia al rialzo dei prezzi internazionali delle materie prime. Attualmente, secondo gli operatori interpellati da SteelOrbis, gli acquirenti stanno mostrando una certa riluttanza a concedere ulteriori aumenti, e i flussi si sono ridotti significativamente nell’ultimo periodo. Allo stesso tempo, a detta dei commercianti, è calato in modo sensibile il gettito di rottame. Secondo le stesse fonti, l’attuale resistenza da parte delle acciaierie dovrebbe tradursi a marzo in una minor disponibilità di rottame nei magazzini e, di conseguenza, in una concentrazione della domanda che, in presenza di un’offerta limitata, potrebbe dare luogo a tensioni sui prezzi.

Attualmente sul mercato italiano le quotazioni del rottame si collocano mediamente sui seguenti livelli:

 Qualità 

  Prezzo spot  

 Torniture (E5) 

230-235

 Demolizioni (E1/E3) 

245-260

 Frantumato (E40) 

270-280

 Lamierino (E8) 

275-285

Prezzi espressi in €/ton, compreso trasporto, IVA esclusa.


Ultimi articoli collegati

Automotive, UNRAE e Federauto chiedono il prolungamento degli incentivi

Lieve aumento del prezzo del tondo in Italia

ArcelorMittal chiede il prolungamento della cassa integrazione con causale Covid-19

Rottame, lieve aumento dei prezzi sul mercato italiano

Germania: prezzi del rottame in ripresa ad agosto