Ghisa, ancora pressioni ribassiste sulle offerte dall'area CIS

mercoledì, 01 agosto 2018 09:43:59 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultima settimana la domanda di ghisa non è migliorata a livello internazionale e sono stati registrati solo pochi scambi. Nello stesso periodo, le offerte provenienti dai paesi CIS sono scese di 5 dollari, posizionandosi al livello di 390-410 $/t FOB. 

In particolare, i prezzi della ghisa con destinazione Stati Uniti si attestano a 410-420 $/t CFR, tuttavia non si ha traccia di transazioni da diverso tempo dal momento che gli acquirenti statunitensi rispondono con controfferte che i fornitori dei paesi CIS giudicano troppo basse. La domanda di ghisa risulta inoltre debole rispetto alle scorse settimane. I compratori statunitensi puntano a prezzi inferiori ai 400 $/t CFR porti USA. Dal momento che, secondo le previsioni attuali, i prezzi del rottame nel mercato USA dovrebbero diminuire ad agosto, i compratori locali stanno esercitando un'ulteriore pressione ribassista sulle quotazioni della ghisa. 

Infine, le offerte destinate in Italia si collocano nel range dei 410-425 $/t CFR, tuttavia i compratori italiani intendono pagare un prezzo compreso tra i 405 e i 415 $/t. Di conseguenza, le ultime transazioni tra fornitori dell'area CIS e compratori italiani sono state chiuse a prezzi tra i 405 e i 418 $/t CFR Marghera. 


Ultimi articoli collegati

MMK, quasi ultimato l'aggiornamento dell'altoforno n. 2

Ghisa, fornitori brasiliani chiudono nuove vendite in Cina

Zaporizhstal riprende le operazioni nel suo altoforno n. 5

Ghisa, i produttori CIS alzano i prezzi

Ghisa, buone le vendite dall'Ucraina verso gli USA