Trader all'IREPAS: la globalizzazione ha subito un brutto colpo, «le cose non saranno più come prima»

mercoledì, 01 giugno 2022 10:40:15 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultimo giorno dell’evento IREPAS & SteelOrbis, F. D. Baysal di Seba International, presidente del comitato dei trader, ha affermato che la regionalizzazione, in altre parole il protezionismo, è iniziata con l'era Trump negli Stati Uniti, seguita dalla decisione dell'Ue di imporre quote per l’acciaio. Baysal ha osservato che successivamente, questa tendenza è proseguita in una nuova dimensione con il Covid: i produttori si sono resi conto che avrebbero dovuto avere scorte pronte a causa di possibili interruzioni impreviste, e i problemi della catena di approvvigionamento iniziati con la pandemia si sono intensificati a causa della congestione dei porti e dell'arrivo di molti prodotti contemporaneamente. «L'Ucraina è stata davvero un'importante aggiunta a questi problemi e ha portato l'intera faccenda a un altro livello, visto che i produttori dell'Ue che dipendevano dalle forniture russe e ucraine per la produzione. La globalizzazione ha subito un brutto colpo e le cose non saranno più le stesse», ha sottolineato Baysal.

Commentando gli effetti della guerra, il presidente del comitato dei trader ha affermato che nei primi due mesi tutti si sono fatti prendere dal panico ed è per questo che i prezzi sono aumentati; in seguito, però, l'aumento dei prezzi si è attenuato, soprattutto dopo che i prodotti siderurgici e le billette russi hanno iniziato a raggiungere mercati che non applicano sanzioni. «Penso che le sanzioni aumenteranno, ma non prima di fine anno. Eludere le misure statunitensi non è possibile in quanto sono state prese serie precauzioni, ed è lo stesso anche per le misure dell'Ue. Tuttavia, i pagamenti sono facilitati attraverso paesi intermediari come la Svizzera e Dubai», ha osservato. Baysal ha proseguito affermando che le sanzioni applicate in modo non uniforme creano alcuni vantaggi per i paesi che non riconoscono le sanzioni. «Non credo che ci sia un vincitore assoluto, ma i paesi che non riconoscono le sanzioni sono avvantaggiati, anche se per un breve periodo», ha aggiunto. Il funzionario di Seba International ha sottolineato che ci vorrà del tempo prima che i produttori ucraini tornino alla normalità e poi inizino a produrre, e quando lo faranno, «dopo la guerra, l'Ucraina avrà bisogno di più acciaio di qualsiasi altro paese, quindi dovranno produrre per il loro autoconsumo» piuttosto che pensare alle esportazioni.

Riguardo ai costi di trasporto, Baysal ha spiegato che «tariffe di trasporto più elevate e congestione, soprattutto negli Stati Uniti, sono un fattore significativo nell'aumento dei prezzi dell'acciaio. La congestione si attenuerà lentamente. Potrebbero volerci da sei mesi a un anno e anche le tariffe di trasporto dovranno diminuire. I prezzi dei container sono raddoppiati, addirittura quadruplicati e ciò non è sostenibile. Le linee di container hanno deliberatamente ritirato i vecchi container dalla circolazione, causando carenze. Altre arriveranno e produrranno container. La situazione cambierà presto. Ci saranno anche più navi in ​​costruzione e questo cambierà l'intera equazione, ma ci vorrà del tempo, quindi i prezzi più alti non spariranno a breve».

Condividendo le sue aspettative sui prezzi del rottame, Baysal ha affermato che le quotazioni hanno probabilmente toccato il fondo a causa delle restrizioni poste alle spedizioni e alla raccolta nonché a causa della guerra e che probabilmente non si registreranno ulteriori discese. 


Articolo precedente

Acciai lunghi: prospettive instabili e altamente imprevedibili per il primo trimestre del 2023

16 dic | Notizie

Barış Çifçti: industria siderurgica globale sull'orlo di una transizione

01 dic | Notizie

Ugur Dalbeler: potrebbe volerci più tempo a risolvere i problemi

01 dic | Notizie

IREPAS, fornitori di materie prime: scarsa domanda di rottame ad eccezione dell'Asia sud-orientale

11 ott | Notizie

CELSA all'IREPAS: la minore domanda e l'aumento dei costi determinano la volatilità dei prezzi

10 ott | Notizie

Presidente IREPAS: il mercato globale dei lunghi sta peggiorando

10 ott | Notizie

Federmeccanica: ad aprile produzione dimezzata rispetto ai dati pre-crisi

26 giu | Notizie

Sciamarelli (EUROFER): ripresa della domanda soltanto nel 2021, necessario difendersi dall'import

14 mag | Notizie

European Steel Conference 2019, World Steel Dynamics prevede prezzi in ripresa nel 2020

29 ott | Notizie

Banzato (Federacciai): i siderurgici chiedono «regole certe e certezza del diritto»

14 ott | Notizie