KPMG Turkey: produzione turca di acciaio grezzo oltre i 40 milioni di tonnellate nel 2021

giovedì, 05 agosto 2021 12:03:53 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Mentre a livello globale la produzione di acciaio grezzo nel 2020 ha subito una contrazione dell’1% in seguito alle misure protezionistiche di Stati Uniti e Unione Europea e a causa della pandemia, l’output della Turchia è cresciuto del 6% raggiungendo quota 35,8 milioni di tonnellate. Questo è quanto si legge in un report pubblicato da KPMG Turkey. La Turchia ha chiuso il 2020 come leader europeo nella produzione di acciaio grezzo. Quanto al 2021, nei primi sei mesi dell’anno l’output del paese risulta in crescita del 20% circa, mentre il valore delle sue esportazioni è aumentato del 50%.

Nel 2020, solo Turchia, Cina, Vietnam, Russia e Iran hanno registrato crescite nella produzione di acciaio grezzo, mentre Stati Uniti, Giappone, Germania, Italia e India hanno osservato cali del 10-20%.  La principale motivazione della crescita della produzione turca è che la Cina, tornata rapidamente ai livelli di produzione precedenti la pandemia, si è concentrata sul mercato domestico riducendo le esportazioni. Così facendo, la Turchia ha aumentato la sua quota di mercato nell’Estremo Oriente e nel Sud-est asiatico.

«La pandemia ha permesso al protezionismo di fare un passo avanti - ha spiegato Burak Yıldırım, alla guida della divisione Metal and Mining Industry di KPMG Turkey- . Da tre anni, l’industria siderurgica turca è ostacolata da barriere all’ingresso, dazi doganali e quote di importazione imposte da Stati Uniti e Unione Europea. A marzo 2018, gli Stati Uniti hanno imposto un ulteriore dazio del 25% sulle importazioni di acciaio da tutti i paesi. Poi ad agosto, per la Turchia la tassa è stata raddoppiata. Le tasse aggiuntive sono state rimosse e riportate al 25% a maggio 2019, ma nel frattempo le esportazioni turche di acciaio di quell’anno erano quasi 1/5 del volume del 2018. Negli ultimi anni, l’Unione Europea aveva costituito il 50% delle esportazioni dalla Turchia. Dopo tutti questi limiti e queste tasse, il volume delle esportazioni verso l’Europa e gli Stati Uniti è sceso al 35%». La Turchia ha quindi cercato di mitigare la contrazione cercando nuovi mercati o rafforzando la propria presenza nei mercati dove era debole. Estremo Oriente, Sud-est-asiatico, Africa e Sud America sono da poco mercati alternativi per l’industria siderurgica turca.

Yıldırım ritiene che, considerati i risultati del primo semestre, la produzione di acciaio grezzo in Turchia nel 2021 raggiungerà i livelli del 2017-2018, o supererà addirittura i 40 milioni di tonnellate. Secondo l’analisi di KPMG Turkey, costituendo più del 50% dell’output mondiale di acciaio, la Cina continuerà a dominare l’industria in termini di prezzo, produzione e consumo anche nei prossimi anni. Nel frattempo, si prevede che Stati Uniti, Giappone, Germania e India continueranno con le loro politiche protezionistiche al fine di compensare i danni provocati dalla pandemia. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: import di coils a caldo a +40,2% nel periodo gennaio-agosto

Turchia: Italia mercato principale per l'export di HRC

Turchia: ad agosto record di produzione di acciaio, balzo dell'export

Turchia: diversi fattori spingono in alto il prezzo locale del rottame

Turchia: indice PPI dei metalli base in crescita ad agosto rispetto a luglio