Rottame, nuovo scambio USA-Turchia

lunedì, 13 luglio 2020 10:09:17 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Alla fine della scorsa settimana sul mercato internazionale del rottame sono emersi dettagli riguardanti un nuovo scambio tra Stati Uniti e Turchia. Un'acciaieria di Izmir ha acquistato del frantumato al prezzo di 258 $/t CFR e del bonus scrap a 263 $/t CFR. Si stima pertanto per l'HMS I/II 80:20 statunitense un prezzo di 253 $/t CFR, in calo di 5,5-6 $/t rispetto al precedente livello.

Attualmente alcuni fornitori statunitensi stanno cercando di vendere materiale in Turchia a prezzi tra i 255 e i 260 $/t CFR. Nel frattempo, i fornitori della regione baltica puntano a prezzi più alti di 260 $/t CFR. Inoltre, le acciaierie turche hanno ricominciato ad inviare richieste di prezzo e sembrano più propense ad effettuare acquisti. Le vendite sul mercato turco degli acciai finiti hanno influenzato positivamente il sentiment degli operatori, insieme alle vendite chiuse all'export (verso Etiopia e Hong Kong in particolare). Anche l'interesse della Cina verso gli acquisti di billette è stato un fattore degno di attenzione negli ultimi giorni. Come già riportato da SteelOrbis, i compratori cinesi hanno acquistato fino a 125.000 tonnellate di billette  dal Sud-est asiatico negli ultimi dieci giorni circa. Secondo diverse fonti l'incremento degli acquisti cinesi potrebbe supportare i prezzi FOB Mar Nero. 


Ultimi articoli collegati

Rottame, in Turchia prezzi ai massimi degli ultimi dieci anni

Rottame, il prezzo in Turchia sfiora i 500 $/t CFR

Turchia: la maggior parte delle acciaierie alza i prezzi d'acquisto del rottame

Rottame, fornitori ottimisti dopo due recenti vendite in Turchia

Turchia: due acciaierie riducono i prezzi d'acquisto del rottame