Turchia, prezzo del rottame dagli USA in calo

martedì, 28 giugno 2022 17:15:49 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Come anticipato da SteelOrbis, i prezzi del rottame con origine USA sono diminuiti a seguito del forte calo osservato nell'ultimo accordo con l’UE, fissato a 315 $/t CFR per HMS I/II 80:20. Tuttavia, i venditori hanno iniziato a mostrare una certa resistenza al calo dei prezzi; la maggior parte dei fornitori europei commenta che non possono più accettare tali livelli. Un produttore di acciai piani in Turchia ha anche affermato: «Vorremmo che i nostri costi diminuissero come produttori, ma anche noi saremmo felici di vedere un po' di stabilità o un aumento dei prezzi del rottame nell'attuale situazione di stagnazione della domanda in Turchia».

SteelOrbis ha appreso che un'acciaieria con sede a Marmara ha concluso un accordo con gli USA per 13.000 t di rottame HMS I/II 80:20 a 330 $/t CFR, 15.000 t di rottame frantumato a 345 $/t CFR e 3.000 t di bonus scrap a 345 $/t CFR. L'accordo è stato chiuso il 27 giugno, per la spedizione di luglio. Prima di questa transazione, i prezzi giornalieri di SteelOrbis per il rottame HMS I/II 80:20 di origine statunitense erano compresi tra i 330 e i 335 $/t CFR. Una fonte di SteelOrbis ha commentato che il livello registrato in quest’ordine è «sorprendente, questo accordo potrebbe ridurre il costo medio dei precedenti scambi di rottame con gli Stati Uniti».

Nel frattempo, un secondo carico di un fornitore europeo è stato venduto alla Cina. Il primo accordo tra l'UE e la Cina è stato divulgato la scorsa settimana; il venditore è il medesimo, ma i dettagli non sono stati condivisi. Tuttavia, alcuni operatori del mercato affermano che i carichi includono bonus scrap e rottame frantumato e ammontano a 50.000 tonnellate ciascuno. I prezzi degli ordini non sono stati ancora condivisi, anche se SteelOrbis ha appreso che sono stati conclusi a livelli più interessanti rispetto a quelli desiderati dalle acciaierie turche. «Le nuove destinazioni e gli acquirenti che emergono sul mercato in assenza della Turchia rimarranno in futuro e faranno concorrenza diretta alla Turchia quando tornerà stabilmente sul mercato», ha affermato un venditore.

«Penso che questo accordo [con gli USA] potrebbe definirsi radicale», ha commentato un fornitore, aggiungendo «La maggior parte dei venditori nell'UE pensa che questo livello sia il minimo, senza tenere conto dei venditori statunitensi». Un altro venditore ha affermato che alcuni fornitori europei e baltici hanno ricevuto offerte d’acquisto dalla Turchia a circa 330 $/t CFR, ma hanno deciso di non accettarle. I livelli praticabili sono considerati compresi tra 335 e 340 $/t CFR per il prossimo round di ordini. «Se un fornitore ha aspettato troppo a vendere, sarà possibile vedere un altro calo dei prezzi, ma questo non significa che tutti siano pronti a ridurre le proprie quotazioni per la Turchia», ha riferito un altro fornitore. Un altro venditore ha aggiunto: «Non sono stati conclusi molti accordi con le acciaierie turche, forse nove o dieci in totale. Ciò significa che, se non interrompono la produzione, dovranno acquistare almeno altri 15 carichi per la spedizione di luglio e dovrebbero farlo rapidamente. È possibile che i prezzi del rottame “deep sea” recuperino 20-30 $/t, dato che il recente calo è stato causato principalmente da carichi offerti in condizioni di stress». SteelOrbis osserva inoltre che la vendita di 50.000 tonnellate di tondo a Hong Kong da parte di uno stabilimento di Marmara a 670 $/t CFR ovvero 625 $/t FOB sta avendo un impatto positivo sul mercato del rottame.

Anche la nuova regolamentazione relativa alle limitazioni per i prestiti in lire per le imprese che detengono valuta estera, annunciata dall'Agenzia turca di regolamentazione e vigilanza bancaria venerdì 24 giugno, ha un impatto sulle finanze. «Ci sono ancora alcune incertezze sulla nuova norma», ha commentato un produttore. Un'altra fonte di SteelOrbis ha affermato che i dettagli del nuovo regolamento indicano che non influirà molto sulle acciaierie turche.

Nel segmento “short sea” il mood è più positivo rispetto alla fine della scorsa settimana. Ci sono diversi accordi con la Romania nell'ordine di 308-309 $/t CFR Izmir, il volume complessivo è di circa 10.000 tonnellate. «I venditori proveranno a offrire 310 $/t CFR e oltre nel prossimo round di vendite. Non hanno fretta di vendere ai livelli più bassi», ha commentato un fornitore di rottame “short sea”. Per il rottame HMS I/II 75:25 da Israele, le offerte d’acquisto delle acciaierie sono comprese tra i 270 e i 285 $/t CIF, sebbene il prezzo praticabile per i venditori sia di 300 $/t CIF.


Articolo precedente

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime

Stabile il mercato locale del rottame in Italia

26 gen | Rottame e materie prime

Rottame: Turchia acquista rottame dall’UE a 407 $/t CFR, quotazioni deep sea ancora in aumento

26 gen | Rottame e materie prime

India, import rottame: attività in calo, scendono i prezzi

25 gen | Rottame e materie prime

Rottame statunitense: in aumento il numero di trattative in Turchia, i prezzi rimangono stabili

24 gen | Rottame e materie prime

Rottame, dagli Stati Uniti accordo della scorsa settimana concluso a 410 $/t CFR

23 gen | Notizie

Pakistan, rottame: in calo le importazioni a dicembre

20 gen | Notizie

Messico, rottame: in aumento il valore delle importazioni a novembre

19 gen | Notizie