Rottame: crolla il prezzo in uno scambio tra Regno Unito e Turchia

martedì, 10 maggio 2022 17:20:44 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il prezzo del rottame è crollato in Turchia in base a una transazione resa nota oggi, 10 maggio. Si tratta del primo scambio dalla fine delle festività dell'1-4 maggio nel paese. 

Secondo quanto riferito a SteelOrbis, un'acciaieria di Izmir ha ordinato dell'HMS I/II 80:20 in partenza dal Regno Unito al prezzo di 480 $/t CFR, con spedizione a inizio giugno. Non sono emersi ulteriori dettagli al riguardo. Le precedenti stime davano il prezzo del rottame europeo attorno ai 500-510 $/t CFR. Tuttavia, a causa dell'assenza di transazioni, i prezzi di SteelOrbis erano fermi al livello medio di 550 $/t CFR Turchia.

Era già noto che le acciaierie turche non erano disposte ad acquistare rottame prima di aver concluso alcune vendite di acciai finiti. Di conseguenza, la pressione al ribasso sui prezzi del rottame era forte da diversi giorni. «Non pensavo che per il rottame "deep sea" fosse possibile un valore inferiore a 500 $/t CFR», è stato il commento di un produttore turco di acciai lunghi. Un venditore ha affermato che «non c'è modo» di esprimere idee sui prezzi in questo momento, poiché non era previsto un livello simile per il rottame europeo. I prezzi di raccolta di un esportatore europeo di rottame ieri 9 maggio erano pari a 400 €/t con consegna nei Paesi Bassi. Un fornitore europeo ha affermato che gli attuali prezzi di raccolta non danno ai venditori molto spazio per ridurre ulteriormente le loro quotazioni e che i flussi verso i cantieri stanno rallentando. Un'altra fonte si è detta d'accordo, aggiungendo: «Il mercato deve digerire questo numero per un paio di giorni, ma il prezzo registrato nello scambio con il Regno Unito potrebbe indurre le piccole aziende dedite alla raccolta a decidere di lavorare per il mercato domestico invece che per i cantieri di esportazione». In Turchia i prezzi del tondo ammontano oggi a 850-870 $/t franco produttore, mentre le offerte all'esportazione si attestano a 840-860 $/t FOB. È difficile che le acciaierie turche riescano a mantenere gli attuali margini di profitto, pertanto si prevede che i prezzi del tondo verranno rivisti dopo il suddetto scambio nel mercato del rottame.

Quanto al segmento "short sea", un fornitore di HMS I/II 75:25 proveniente da Cipro, Israele e Libano ha affermato che i prezzi non superano i 430-440 $/t CIF Turchia. Per quanto riguarda l'HMS I/II 80:20 in partenza da Romania e Balcani, i prezzi praticabili ammontano a circa 455-460 $/t CFR, tuttavia un trader ha affermato che i fornitori non sono propensi a ridurre i prezzi fino a tale livello. Questa settimana sono stati offerti alla Turchia numerosi carichi da paesi vicini e si prevede che i compratori eserciteranno maggiori pressioni sui prezzi dopo aver visto che il prezzo del rottame "deep sea" è crollato. Secondo un buyer, le quotazioni del rottame rumeno e bulgaro scenderanno a poco più di 400 $/t CFR prossimamente.  


Articolo precedente

Taiwan, rottame: mercato import sale ancora, la domanda di acciaio si riprende leggermente

06 feb | Rottame e materie prime

Assofermet, rottame: preoccupazioni sul costo dei trasporti

06 feb | Notizie

Europa, export: in aumento il rottame verso la Turchia, dai Paesi baltici a 426 $/t CFR

03 feb | Rottame e materie prime

Turchia: chiuso un accordo di rottame dall’UE a 417 $/t CFR

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia: nuovo aumento dei prezzi import del rottame, il sentiment è ancora forte

02 feb | Rottame e materie prime

Turchia, i prezzi del rottame deep sea raggiungono 420-422 $/t nei nuovi accordi

31 gen | Rottame e materie prime

Il rottame europeo in Turchia sale a 414 $/t CFR

30 gen | Rottame e materie prime

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie

Giappone, scendono le esportazioni di rottami nel 2022

27 gen | Notizie

Rottame: in Turchia leggero aumento dei prezzi in un altro accordo dagli USA

26 gen | Rottame e materie prime