Turchia: nuovo calo dei prezzi dei coils a caldo nell'ultima settimana

martedì, 25 giugno 2019 10:31:33 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultima settimana la domanda di coils laminati a caldo (HRC) è risultata quasi del tutto assente in Turchia a causa delle elezioni amministrative svoltesi a Istanbul domenica 23 giugno. Rispetto a sette giorni fa i produttori locali, dietro le pressioni dei compratori, hanno abbassato i prezzi di 15 dollari, portandoli al livello di 505-520 $/t franco partenza. Nel frattempo, i commercianti hanno ridotto i prezzi di 10 dollari e attualmente offrono HRC da 2-12 mm a 540-570 $/t nelle regioni di Eregli e Gebze. 

Prescindendo dalla stagnazione delle attività tipica del periodo estivo, la situazione economica negativa e le tensioni politiche in Turchia influiscono da lungo tempo sul comportamento dei compratori locali. Tuttavia ieri 24 giugno, alla luce del completamento delle elezioni, la lira turca ha registrato un rafforzamento rispetto al dollaro e i compratori hanno iniziato a formulare richieste di prezzo. Secondo fonti locali, la domanda dovrebbe restare debole nel breve termine a causa dei problemi economici ancora esistenti, tuttavia la pressione ribassista sui prezzi sembra essersi alleggerita dopo le ultime diminuzioni. 


Ultimi articoli collegati

Ucraina: il minerale di ferro esportato sfiora i 40 milioni di tonnellate nel 2019

Taranto, esplosioni nell'Acciaieria 2 di ArcelorMittal Italia

Cina: prezzi del ferromanganese sul mercato locale – settimana 4

Malaysia: dazio definitivo sulle importazioni di tondo da Singapore e Turchia

Gruppo cinese Cedar Holdings acquisisce Stemcor