Turchia: la scarsità di domanda trascina verso il basso i prezzi dei coils a caldo

venerdì, 19 novembre 2021 13:43:20 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Continua il trend ribassista del mercato dei coils laminati a caldo (HRC) in Turchia. A trascinare i prezzi verso il basso sono la scarsa domanda sia nel paese sia all'estero, la stagnazione del segmento dei rivestiti e le offerte competitive da parte dei fornitori stranieri di HRC. Inoltre, a causa dell’assenza di compratori in Europa, il prezzo dei coils laminati a caldo esportati dalla Turchia è sceso al di sotto di quello praticato sul mercato domestico.

Nel mercato domestico turco, gli HRC sono offerti a 890-915 $/t franco produttore, in calo rispetto ai 905-930 $/t franco produttore della scorsa settimana. SteelOrbis ha appreso che alcune acciaierie indicherebbero 920 $/t come prezzo di listino, che però non è considerato accettabile.

Quanto alle esportazioni, il livello dei prezzi accettato si attesta a 870-890 $/t FOB, anche se alcuni produttori offrono coils a 900-910 $/t FOB. Data la quasi totale assenza di compratori in Europa, le acciaierie turche hanno cercato altri mercati. In particolare, recentemente in Egitto sono state acquistate 20.000 tonnellate di coils laminati a caldo a 880-885 $/t FOB. Sempre in Egitto, le ultime offerte si attestano a 910 $/t CFR, con costi di nolo a 25-28 $/t. Al momento, i produttori turchi vendono con spedizione a febbraio, anche se per piccoli volumi potrebbe esserci disponibilità anche a gennaio.

Per quanto riguarda l’import, l’ultima vendita registrata riguarda un carico di coils piccoli (16-19 t) proveniente dall’Ucraina: 855 $/t CFR, in ribasso di 5 $/t nell’ultima settimana. Il produttore ha spiegato di aver chiuso le vendite della produzione di dicembre e di star calcolando i possibili livelli per gennaio. Non ci sono notizie dalla Russia circa le offerte di gennaio, anche se una acciaieria sta ragionando su prezzi attorno agli 880 $/t.

Infine, secondo alcune fonti di mercato la scorsa settimana un venditore europeo avrebbe venduto a un compratore turco due carichi da 20.000 tonnellate di HRC ciascuno a 875 $/t CFR. L’Asia è ancora una fonte interessante e nel mercato si vocifera di una vendita di due carichi di HRC provenienti dalla Cina a 835-840 $/t CFR, con spedizione a gennaio. L’India, invece, sta evitando il mercato turco perché i prezzi sarebbero troppo bassi.


Articolo precedente

Prezzi dell’energia: un fattore chiave per il mercato metallurgico europeo nel 2022

03 feb | Notizie

Coils a caldo: le acciaierie europee mantengono alte le offerte, incerto un ulteriore aumento

02 feb | Piani e bramme

Cina, coils zincati: in leggero aumento i prezzi export, stabili i locali

02 feb | Piani e bramme

Turchia, coils laminati a caldo: trend in crescita, ma non c’è chiarezza nell’import

02 feb | Piani e bramme

Stati Uniti, coils laminati a caldo: import in calo a dicembre

02 feb | Notizie

In aumento la produzione cinese di coils a caldo nel 2022

31 gen | Notizie

Cina, in aumento i prezzi export della lamiera

30 gen | Piani e bramme

Giappone: in calo l’export di acciaio nel 2022

30 gen | Notizie

La Turchia aumenta i dazi all’importazione per i prodotti piani in acciaio

30 gen | Notizie

Romania, piani: mercato ancora influenzato dalle prospettive positive di UE e Asia

27 gen | Piani e bramme