Coils a caldo: prezzi in lieve calo nel mercato Ue, emergono offerte competitive da paesi terzi

martedì, 13 luglio 2021 17:02:47 (GMT+3)   |   Brescia
       

Nell'Ue i prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) sono calati ulteriormente nell'ultima settimana, benché la situazione di fondo sia rimasta invariata secondo fonti di mercato. I prezzi di transazione si attestano attualmente a 1.080-1.170 €/t franco produttore. Nello specifico, i prezzi ammontano prevalentemente a 1.080-1.150 €/t nel mercato italiano e a 1.130-1.170 €/t nel Nord Europa. Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un produttore italiano sta offrendo da ieri HRC a 1.080-1.100 €/t f.p.

Nonostante le quotazioni siano calate in media di 15 €/t nell'ultima settimana, la maggior parte delle fonti esclude che l'arretramento sia indicativo di un trend ribassista. Se è vero che i compratori hanno ridotto gli acquisti a causa di fattori quali scorte sufficienti, prezzi elevati, limiti di credito, lunghi tempi di consegna e rallentamento stagionale della domanda, è altrettanto vero che le acciaierie godono ancora di ottimi portafogli ordini e che l'offerta a livello europeo resta ridotta.

Nel frattempo, sono emerse diverse offerte competitive provenienti dai paesi terzi, in particolare per il Sud Europa. Come riportato in precedenza, i fornitori indiani hanno esaurito la quota di salvaguardia relativa al terzo trimestre, pertanto qualsiasi volume aggiuntivo in arrivo nel periodo luglio-settembre sarà soggetto a un dazio del 25%. Ciononostante, le offerte dall'India potrebbero continuare ad essere competitive. Attualmente i prezzi si collocano «significativamente al di sotto» dei 1.000 €/t CFR Sud Europa, secondo quanto riferito a SteelOrbis. Ciononostante, si prevede che a breve la Commissione europea, sulla base di una denuncia presentata dai produttori siderurgici europei, annuncerà l'avvio di un'indagine antidumping sugli HRC originari dell'India. 
Intanto, le offerte dal Giappone si attestano a 1.020 €/t CFR con spedizione a settembre, mentre i fornitori turchi offrono materiale a prezzi non più bassi di 960 €/t CFR Italia, dazio antidumping incluso. Infine, recentemente il produttore russo Severstal ha abbassato le proprie offerte per il Sud Europa da 1.100 $/t a 1.040 $/t FOB. 

Stefano Gennari


Articolo precedente

Coils a caldo, Europa: stop al calo dei prezzi, in aumento le offerte import

01 dic | Piani e bramme

Giappone: esportazioni di acciaio in calo nel periodo gennaio-ottobre

01 dic | Notizie

Cina, laminati a caldo: offerte export in aumento per via dei future più forti, domanda problematica

29 nov | Piani e bramme

Giappone, coils a caldo: gli esportatori continuano a tagliare i prezzi

29 nov | Piani e bramme

Vietnam: continuano ad aumentare le assegnazioni all’esportazione di HRC

29 nov | Piani e bramme

India, export coils a caldo: vendite in aumento, prezzi più bassi rispetto alla scorsa settimana

29 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: aumentano i prezzi dell’export brasiliano

29 nov | Piani e bramme

Cina, lamiera: stabili i prezzi export, in un range limitato i prezzi locali

28 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: gli esportatori indiani puntano a prezzi più alti, mood migliore

25 nov | Piani e bramme

Sudest asiatico: acciaierie attive nell’export di bramme, l’import si concentra su altre fonti

24 nov | Piani e bramme