Coils a caldo, non si ferma la salita dei prezzi in Turchia

venerdì, 06 dicembre 2019 18:40:43 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Crescono ancora i prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) in Turchia. Secondo quanto appreso da SteelOrbis, alcuni compratori di medie e grosse dimensioni hanno ordinato materiale con consegna a febbraio a 480 $/t franco produttore. Come riportato in precedenza da SteelOrbis, le offerte dei produttori a inizio settimana si attestavano prevalentemente a 490-500 $/t franco produttore. Circa due settimane fa i prezzi di transazione per lotti limitati ammontavano a 450-470 $/t f.p.

Sul versante dell'import i fornitori dei paesi CIS stanno cercando di trarre il più possibile vantaggio dal trend rialzista rilevato sul mercato turco. Un'acciaieria è riuscita a chiudere vendite per febbraio a 470-480 $/t CFR Turchia. Di conseguenza, i prezzi di riferimento sono cresciuti di almeno 20 $/t rispetto alle offerte che erano state indicate in precedenza. 

Il rialzo dei prezzi degli HRC dovrebbe determinare un ulteriore rincaro delle bramme. Negli ultimi scambi le billette ucraine si sono attestate a 405 $/t CFR Turchia e, secondo diverse fonti, dovrebbero toccare i 415 $/t CFR la prossima settimana. I costi di laminazione ammontano a circa 35-40 $/t e teoricamente lasciano ampio spazio alle importazioni di HRC. Ciononostante, si ritiene che le acciaierie turche non ordineranno grossi quantitativi nel prossimo periodo dal momento che per ora godono di scorte a sufficienza. 


Ultimi articoli collegati

Kardemir, volumi di vendita previsti per il trimestre ottobre-dicembre

Coils a caldo: prezzi turchi relativamente stabili, attività ridotte

UE: possibili dazi retroattivi sui coils a caldo turchi a partire da metà ottobre

Turchia: in calo l'import di coils a caldo nei primi sette mesi

Coils a caldo, ancora in rialzo le offerte dei produttori turchi