Coils a caldo, esportatori indiani costretti a ridurre i prezzi

martedì, 24 agosto 2021 13:04:40 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Nell'ultima settimana le vendite di coils laminati a caldo (HRC) da parte dell'India all'estero sono state quasi nulle. Le principali cause sono state l'aggravarsi dell'emergenza sanitaria in alcuni mercati chiave (come il Vietnam), il calo delle richieste da parte di alcuni mercati emergenti, nonché il fatto che l'India ha esaurito la propria quota trimestrale per l'export nell'Ue all'inizio di luglio. 

Le offerte da parte delle acciaierie indiane sono passate nell'ultima settimana dal livello di 880-920 $/t a quello di 860-880 $/t FOB. I compratori in Vietnam hanno continuato a chiedere prezzi inferiori ai 900 $/t CFR. Nel frattempo, le offerte indiane per Emirati Arabi e Ue sono rimaste invariate, ovvero pari a un massimo di 920 $/t FOB. Tuttavia, questo prezzo non è stato preso in considerazione nella definizione del range generale dal momento che non vi sono stati scambi e che perfino le trattative sono state sospese nell'ultima settimana. 

«Poche settimane fa il mercato export indiano era supportato dalle vendite in America Latina e Africa – ha ricordato un manager di ArcelorMittal Nippon Steel Limited (AMNS) –. Si tratta tuttavia di mercati emergenti nei quali i fornitori indiani devono ancora instaurare relazioni più profonde al fine di assicurarsi un interesse continuo da parte dei compratori». La stessa fonte ha affermato però che nel continente asiatico le offerte dalla Cina sembrano scarseggiare e che questa circostanza fa ben sperare per le esportazioni indiane. «I venditori sono restii a ridurre i prezzi poiché le scorte sono basse questo mese», ha aggiunto.

L'unica transazione registrata nell'ultima settimana è stata quella chiusa da un'acciaieria dell'India orientale nei confronti di un trader asiatico al prezzo di 870-890 $/t FOB. Questo livello di prezzo tuttavia è considerato già troppo alti dai clienti vietnamiti, che come già detto puntano a valori inferiori ai 900 $/t CFR. 


Articolo precedente

Cina, laminati a caldo: offerte export in aumento per via dei future più forti, domanda problematica

29 nov | Piani e bramme

Giappone, coils a caldo: gli esportatori continuano a tagliare i prezzi

29 nov | Piani e bramme

Vietnam: continuano ad aumentare le assegnazioni all’esportazione di HRC

29 nov | Piani e bramme

India, export coils a caldo: vendite in aumento, prezzi più bassi rispetto alla scorsa settimana

29 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: aumentano i prezzi dell’export brasiliano

29 nov | Piani e bramme

Cina, lamiera: stabili i prezzi export, in un range limitato i prezzi locali

28 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: gli esportatori indiani puntano a prezzi più alti, mood migliore

25 nov | Piani e bramme

Sudest asiatico: acciaierie attive nell’export di bramme, l’import si concentra su altre fonti

24 nov | Piani e bramme

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Coils a caldo europei: i prezzi sembrano aver toccato il fondo, ma è ancora in dubbio l’aumento

23 nov | Piani e bramme