Turchia: nei primi cinque mesi del 2019 cala l’import di coils a freddo

mercoledì, 17 luglio 2019 15:37:45 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati riportati dall’istituto di statistica turco (TUIK) a maggio la Turchia ha importato 74.017 tonnellate di coils laminati a freddo (CRC), registrando diminuzioni del 6,2% rispetto ad aprile e del 36,2% su base annua. Il valore generato da queste importazioni è ammontato a 43,60 milioni di dollari, in calo dell’8,2% su base mensile e del 44% rispetto a maggio 2018.

Nel corso dei primi cinque mesi dell’anno l’import di CRC è sceso del 20,2% totalizzando 293.957 tonnellate, per un valore complessivo di 181,14 milioni di dollari (-26%); variazioni rispetto al periodo gennaio-maggio del 2018. Del volume totale, 159.937 tonnellate sono state importate dalla Russia (l’1,4% in meno su base annua) e 28.198 tonnellate dalla Romania.

Le principali fonti di CRC per la Turchia nel periodo gennaio-maggio 2019 sono state le seguenti:

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-maggio 2019

Gennaio-maggio 2018

Variazione (%)

Maggio 2019

Maggio 2018

Variazione (%)

Russia

159.685

161.915

-1,38

29.850

65.438

-54,38

Romania

28.198

33.966

-16,98

8.237

8.099

1,70

Belgio

22.750

36.341

-37,40

5.707

3.765

51,58

Giappone

15.765

389

-

-

171

-

Germania

14.030

11.788

19,02

9.766

1.217

702,47

Italia

11.936

6.967

71,32

8.186

1.414

478,93


Ultimi articoli collegati

Turchia: quasi terminata la quota della salvaguardia UE per tondo e vergella

Turchia: export di tondo in calo nei primi cinque mesi mesi dell'anno

Coils a caldo, crescono le offerte da Europa e India verso la Turchia

Dalbeler (Colakoglu): gli esportatori turchi cercheranno nuovi mercati 

Turchia: importazioni di minerale in calo nei primi quattro mesi