Turchia: import di coils a freddo in calo a gennaio su base annua

venerdì, 12 marzo 2021 13:58:58 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A gennaio di quest'anno le importazioni di coils a freddo in Turchia sono calate del 40,3% su base annua ma cresciute del 74,2% su base mensile, attestandosi a 61.849 tonnellate. È quanto si apprende attraverso gli ultimi dati dell'Ufficio di statistica turco (TUIK). In valore, l'import ha generato 40,66 milioni di dollari, registrando un incremento dell’81,5% su base mensile e un calo del 20,9% su base annua.

Nello stesso mese l'import di coils a freddo provenienti dalla Russia è ammontato a 47.986 tonnellate, crescendo dell’1,81% su base annua. Il secondo principale fornitore è stato la Corea del Sud con 4.358 tonnellate. 

Di seguito, l'elenco dei principali fornitori di coils a freddo per la Turchia.

Paese

Volume (t)

 

 

 

Gennaio 2021

Gennaio 2020

Variazione (%)

Russia

47.986

47.135

1,81

Corea del Sud

4.358

7.361

-40,80

Paesi Bassi

2.506

3.426

-26,85

Belgio

1.900

22.816

-91,67

Italia

1.865

1.417

31,62

Romania

821

10.798

-92,40

Svezia

607

-

-

Ucraina

569

6.207

-90,83

Austria

479

271

76,75

Spagna

276

372

-25,81


Ultimi articoli collegati

Turchia: cala l'import di ghisa in gennaio-febbraio

Turchia: importazioni di coils a freddo in diminuzione in gennaio-febbraio

Coils a caldo: crollo dell'export turco, Italia seconda destinazione

Turchia: export di tondo in aumento in gennaio-febbraio

Turchia: prezzi dei piani ancora in crescita sul mercato a pronti