Italia prima destinazione delle esportazioni turche di coils a caldo

venerdì, 15 maggio 2020 10:46:41 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A marzo 2020 le esportazioni turche di coils laminati a caldo (HRC) sono ammontate a 146.719 tonnellate, facendo registrare cali del 30,5% rispetto a febbraio e del 54,2% rispetto a marzo 2019. Lo comunica l'istituto di statistica turco (TUIK), aggiungendo che il valore generato dalle stesse esportazioni è ammontato a 72,53 milioni di dollari, dato in contrazione del 26,2% su base mensile e del 56,3% su base annua.

Nel primo trimestre dell'anno la Turchia ha esportato 626.040 tonnellate di coils a caldo, il 35,4% in meno in termini tendenziali, mentre il valore delle stesse esportazioni ha subito una flessione del 44,4% fermandosi a 287,58 milioni di dollari.

Nello stesso periodo, la principale destinazione degli HRC turchi è stata l'Italia con 286.667 tonnellate, nonostante i volumi siano diminuiti del 26,2% su base annua. Di seguito, l'elenco delle principali dieci destinazioni nei primi tre mesi del 2020.

Paese

Volume (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-marzo 2020

Gennaio-marzo 2019

Var. (%)

Marzo 2020

Marzo 2019

Var. (%)

Italia

286.667

388.274

-26,17

66.632

97.787

-31,86

Egitto

102.838

29.621

247,18

16.705

20.351

-17,92

Spagna

100.862

175.310

-42,47

28.412

73.799

-61,50

Portogallo

25.060

58.958

-57,50

5.149

-

-

Grecia

21.197

40.841

-48,10

8.002

15.218

-47,42

Bulgaria

17.847

71.190

-74,93

1.902

17.513

-89,14

Francia

10.896

7.840

38,98

7.955

4.367

82,16

Belgio

8.917

56,682

-84,27

3.943

28.618

-86,22

Iraq

8.839

4,076

116,85

2.002

1.374

45,71

Algeria

8.269

15,561

-46.86

-

803

-


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, crescono le offerte da Europa e India verso la Turchia

Dalbeler (Colakoglu): gli esportatori turchi cercheranno nuovi mercati 

Turchia: importazioni di coils a caldo in calo nei primi quattro mesi

Turchia: importazioni di coils a freddo in crescita nei primi quattro mesi

Turchia: export di coils a caldo in forte calo, l'Italia resta la prima destinazione