Coils a caldo, entra in vigore nell'Ue il dazio antidumping contro la Turchia

mercoledì, 07 luglio 2021 16:43:36 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Commissione europea ha annunciato oggi l'entrata in vigore del dazio antidumping definitivo sulle importazioni di prodotti piatti laminati a caldo, di ferro, di acciai non legati o di altri acciai legati (HRC) originari della Turchia. Il dazio era stato annunciato lo scorso aprile, quando la sua entrata in vigore era già stata fissata al mese di luglio. 

La relativa inchiesta era iniziata il 14 maggio 2020 su richiesta dell'associazione dei produttori siderurgici europei (EUROFER). 

Le aliquote del dazio definitivo si attestano al 4,7% per il produttore Habas, al 5,0% per il gruppo Erdemir, al 5,7% per Borçelik e Ağir Haddecilik e al 7,3% per Çolakoglu Metalurji e tutte le altre aziende. 
La Commissione ha determinato che non fosse necessaria la riscossione retroattiva dei dazi definitivi per il periodo di registrazione delle importazioni.

I prodotti in questione sono laminati piatti di ferro, di acciai non legati o di altri acciai legati, anche arrotolati (compresi i prodotti tagliati su misura e in nastri stretti), semplicemente laminati a caldo, non placcati né rivestiti, originari della Turchia, attualmente classificati ai codici NC 7208 10 00, 7208 25 00, 7208 26 00, 7208 27 00, 7208 36 00, 7208 37 00, 7208 38 00, 7208 39 00, 7208 40 00, 7208 52 10, 7208 52 99, 7208 53 00, 7208 54 00, 7211 13 00, 7211 14 00, 7211 19 00, ex 7225 19 10 (codice TARIC 7225191090), 7225 30 90, ex 7225 40 60 (codice TARIC 7225406090), 7225 40 90, ex 7226 19 10 (codice TARIC 7226191090), 7226 91 91 e 7226 91 99.


Ultimi articoli collegati

Hoa Phat Group chiude il primo semestre in crescita

Coils a caldo: il calo della domanda in Europa spinge Severstal a ridurre i prezzi

Coils a freddo, importazioni in calo in Turchia a maggio

Turchia: importazioni di coils a caldo quasi triplicate a maggio

Turchia: esportazioni di coils a caldo in crescita a maggio