Minerale di ferro, prezzi globali sopra i 76 dollari

martedì, 22 gennaio 2019 11:55:00 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Dopo essere cresciuti complessivamente dell'1,23% la scorsa settimana, i prezzi del minerale australiano con un contenuto di ferro del 62% sono aumentati ieri 21 gennaio di 0,3 dollari la tonnellata, aprendo la settimana corrente a quota 75,0-76,1 $/t CFR Cina. 

La scorsa settimana, mentre i compratori cinesi hanno puntato a rifornirsi di minerale in vista delle festività di capodanno (2-10 febbraio), il produttore australiano Rio Tinto ha dichiarato lo stato di forza maggiore in relazione alle proprie spedizioni verso alcuni clienti a causa di un incendio divampato al terminal export di Cape Lambert. Dal momento che le spedizioni australiane sono state influenzate negativamente da tale situazione, secondo le fonti intervistate i compratori cinesi dovranno acquistare minerale sul mercato domestico. Ciononostante, nel breve periodo sarà molto difficile per loro riuscire ad ottenere volumi in grado di compensare quelli non più in arrivo dall'Australia. Questi problemi in termini di forniture hanno fatto sì che i prezzi internazionali del minerale tendessero al rialzo la scorsa settimana. 

Nel frattempo, dopo aver acquistato grossi quantitativi di materiale, le acciaierie cinesi hanno gradualmente ridotto gli ordini di minerale con un contenuto di ferro del 65%, e hanno puntato piuttosto all'acquisto di minerale di qualità inferiore a seguito di una riduzione dei loro margini di profitto. Di conseguenza, la differenza tra i prezzi delle diverse tipologie di minerale si è ridotta. Tenuto conto della debolezza dei prezzi dell'acciaio a livello globale, le acciaierie cinesi dovrebbero continuare ad acquistare minerale di qualità inferiore al fine di ridurre i costi di produzione. 

Al termine della scorsa settimana, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti  Steven Mnuchin ha dichiarato che è in discussione la revoca di alcune o di tutte le tariffe imposte sulle importazioni cinesi. La notizia ha generato la percezione che le tensioni commerciali possano allentarsi e che il commercio globale possa tornare alla normalità. Di conseguenza, il mercato dei future cinesi sull'acciaio è salito e i prezzi globali del minerale di ferro sono aumentati dell'1,47 per cento nell'ultimo giorno della scorsa settimana.

Questa settimana si è aperta con le notizie riguardanti la crescita economica cinese. Secondo l'annuncio fatto dall'Ufficio Nazionale di Statistica Cinese, la crescita economica della Cina è stata registrata al 6,4% nell'ultimo trimestre del 2018 e al 6,6% per l'intero anno 2018, il tasso di crescita più lento degli ultimi 28 anni. Di conseguenza, le autorità cinesi dovranno prendere ulteriori provvedimenti a sostegno dell'economia nazionale. Tuttavia, questa situazione non ha influenzato i prezzi globali del minerale di ferro, che hanno iniziato la settimana con un movimento al rialzo grazie al sostegno dei prezzi dei future sul minerale di ferro.


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran