Ghisa basica: mercato globale in ripresa?

lunedì, 25 luglio 2022 13:38:19 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell’ultimo periodo, l’attività nel mercato globale della ghisa basica ha registrato una considerevole ripresa. Tuttavia, alcune indiscrezioni emerse e discusse attivamente sul mercato la scorsa settimana si sono rivelate essere solo delle voci. «Sono state segnalate cifre assurde in tutto il mondo. Il mercato è immerso nel caos» ha dichiarato un trader internazionale commentando la situazione attuale.

In seguito a una vendita di ghisa basica dal Brasile verso gli Stati Uniti all’inizio della settimana scorsa, attestata a 550 $/t CFR, SteelOrbis è venuta a conoscenza di alcune prenotazioni di materiale proveniente dall’Ucraina verso gli Stati Uniti a 535 $/t CFR. Con le informazioni trapelate sul mercato, i motivi per il prezzo delle prenotazioni di ghisa proveniente dal Brasile sono diminuiti ulteriormente: «Non ha alcun senso prenotare materiale a un prezzo così alto» ha affermato un trader internazionale. «Inoltre, anche il prezzo del materiale proveniente dall’Ucraina mi sembra superiore al valore di mercato». Un’altra fonte ha dichiarato: «Temo che si sia trattato di un piano per far circolare sul mercato questo prezzo [per la ghisa dal Brasile] al fine di provocare un po’ di panico. Tuttavia, gli operatori locali sanno quali sono i reali livelli di negoziazione». Alcuni ammettono che l’ordine è stato apparentemente concluso con un trader internazionale, con ulteriore spedizione a un produttore di acciaio turco, non a un distributore statunitense. La maggior parte degli operatori è convinta che non vi sia una carenza di materiale nel mercato globale della ghisa che possa causare un così forte aumento dei prezzi per il materiale dal Brasile. Come riportato da SteelOrbis, a metà luglio un importante produttore di acciaio statunitense ha prenotato un carico di 50.000 tonnellate di ghisa dal Brasile, per la spedizione di settembre, a 450 $/t FOB, ovvero circa 490 $/t CFR Porto di New Orleans, dato l’attuale tasso di nolo di 40 $/t.

In Italia, le informazioni su un accordo per la ghisa dalla Russia a 450 $/t CFR Marghera, trapelate sul mercato questa settimana, non sono state confermate. Un importante trader internazionale ha affermato: «Suppongo che tali livelli di prezzo possano essere raggiunti per il materiale proveniente dai territori ucraini temporaneamente occupati dalla Russia, ma non per la ghisa proveniente dalla Russia. In particolare, sono state segnalate offerte per la ghisa prodotta dalla russa Ural Steel a 485-490 $/t CFR Marghera e la settimana scorsa trattative per la ghisa dall’Ucraina a circa 550 $/t CFR Marghera.

Inoltre, questa settimana si è parlato di una vendita di ghisa prodotta dall’acciaieria russa MMK verso la Cina. In base a quanto dichiarato un carico per 50.000 tonnellate, con spedizione ad agosto, sarebbe stato prenotato a 400 $/t CFR, ma anche in questo caso l’informazione non è ancora stata confermata. Alcune fonti, inoltre, hanno ammesso che l’accordo era nato per la bramma. «Sebbene l’accordo non sia stato ancora verificato» ha affermato un trader internazionale, «data la posizione sfavorevole delle aziende russe a causa delle sanzioni occidentali e la loro “disperazione per il denaro”, tutto potrebbe accadere». In un modo o nell’altro, il prezzo è basso anche se per la bramma. Come riportato in precedenza da SteelOrbis, a fine giugno/inizio luglio le negoziazioni per le bramme dalla Russia verso la Cina si sono attestate sui 505-525 $/t CFR. Successivamente, è stata segnalata una vendita a 540-545 $/t CFR Cina. In seguito, la Russia ha abbandonato il mercato cinese, a causa di livelli per loro inaccettabili.


Articolo precedente

Turchia, ghisa: import in aumento nel periodo gennaio-novembre

26 gen | Notizie

Germania, in calo la produzione di acciaio nel 2022

24 gen | Notizie

Giappone, in calo la produzione di acciaio grezzo a dicembre

23 gen | Notizie

Ucraina, ghisa: in aumento le esportazioni a dicembre

19 gen | Notizie

Cina, acciaio grezzo: produzione in calo nel 2022

17 gen | Notizie

Assofermet, rottami: cauto ottimismo per il nuovo anno

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa: export in aumento a dicembre

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa basica: gli esportatori puntano a prezzi più alti nelle prossime trattative

22 dic | Rottame e materie prime

Germania: produzione di acciaio grezzo in calo periodo gennaio-novembre

22 dic | Notizie

Turchia: importazioni di ghisa in aumento nel periodo gennaio-ottobre

16 dic | Notizie