USA: prezzi dei coils a caldo oltre i 1.800 $/t

lunedì, 14 giugno 2021 11:46:48 (GMT+3)   |   San Diego
       

Proseguono a pieno ritmo i rialzi di prezzo nel mercato statunitense dei coils. Negli ultimi sette giorni le quotazioni dei coils laminati a caldo (HRC) sono passate da 1.764-1.786 a 1.808-1.830 $/t FOB acciaieria e per la maggior parte delle fonti presto supereranno quota 1.870 $/t. 
Allo stesso tempo i prezzi dei coils laminati a freddo (CRC) hanno raggiunto i 2.028-2.050 $/t FOB acciaieria, contro il precedente livello di 1.984-2.006 $/t. 

Tuttavia, nel corso di un webinar tenutosi la scorsa settimana, Timna Tanners, analista di Bank of America, ha rigettato l'idea che un prezzo degli HRC attorno agli 80 $/cwt. (1.760 $/t o 1.600 $/nt) sia la nuova normalità. «Non dovremmo pensare che lo sia più di quanto non lo fossero i 400 $/nt la scorsa estate», ha affermato, aggiungendo che nel momento in cui l'offerta avrà recuperato il passo la situazione si ribalterà. «Pensate ai disinfettanti per mani nel 2021 rispetto al 2020 – ha continuato –. La capacità delle aziende di fornire i propri prodotti ai clienti è influenzata da molte cose, come la carenza di manodopera, il trasporto su camion e gli ingorghi nei porti. Le aziende stanno lottando per recuperare il ritardo con la domanda». 

Secondo Tanners, lo "steelmageddon" (cioè il momento in cui i prezzi collasseranno) è ancora realtà, solo che «è stato ritardato di un anno. La nuova capacità non è sparita, è solo stata rimandata». L'analista ha spiegato che in alcuni casi le acciaierie, a causa della pandemia, non hanno avuto accesso a ingegneri o al materiale per costruire i nuovi impianti. 

«Di tutti i progetti che sarebbero dovuti partire – ha sottolineato – Big River è stato l'unico ad averlo fatto. Non penso che il mercato sia cambiato e non penso che i consumi siano significativamente diversi da come lo sono stati in passato. L'offerta crescerà, è solo questione di tempo perché la nuova capacità colpisca il mercato», ha concluso Tanners. 


Articolo precedente

Cina, coils a freddo: deboli i prezzi export

22 set | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-agosto

21 set | Notizie

Laminati a caldo, Romania: prezzi perlopiù stabili

20 set | Piani e bramme

ArcelorMittal riconsidera le offerte di coils in Europa

19 set | Piani e bramme

Cina, export coils a freddo: i prezzi salgono, ma prevale ancora un cauto ottimismo

14 set | Piani e bramme

Cina: scorte dei principali acciai finiti in calo a inizio settembre

14 set | Notizie

Cina: scorte dei principali prodotti finiti in calo a fine agosto

06 set | Notizie

Coils laminati a freddo, Cina: prezzi export nuovamente in calo

31 ago | Piani e bramme

Giappone: esportazioni di acciaio a -2,8% nel periodo gennaio-luglio

31 ago | Notizie

ArcelorMittal aumenta i prezzi dei coils oltre le aspettative

29 ago | Piani e bramme