Turchia, import billette: si restringe il range dei prezzi

lunedì, 23 gennaio 2023 13:13:44 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Si è ristretto il range dei prezzi di importazione delle billette in Turchia alla fine della scorsa settimana e, in particolare, i livelli più aggressivi precedentemente disponibili per il materiale proveniente dalla Russia sembrano essere ormai fuori discussione. Infatti, alcuni fornitori hanno aumentato le loro indicazioni di offerta o hanno preferito rimanere stabili a livelli elevati, menzionando l’attuale limitata allocazione del mercato. 

Secondo le fonti, le ultime offerte per lotti di billette di medie e piccole dimensioni provenienti da Donbass e da alcuni stabilimenti russi sono state segnalate a minimo 570-575 $/t CFR, con un aumento di 10 $/t rispetto alla vendita di 10.000 tonnellate comunicata in precedenza. Una grande acciaieria russa sembra insistere ancora per 590-595 $/t CFR, sebbene alcune fonti riferiscano che il fornitore aveva venduto in precedenza un buon volume a 580-585 $/t CFR (per le spedizioni di marzo). Inoltre, un fornitore russo per carichi a pronta consegna ha adeguato il suo nuovo prezzo a 605 $/t CFR, rispetto alle precedenti transazioni chiuse a 590-597 $/t CFR. 

Il prezzo di riferimento di SteelOrbis per le billette dalla Russia è leggermente aumentato a 550-560 $/t FOB, con un incremento medio di 10 $/t rispetto ai 530-560 $/t FOB registrati all’inizio della scorsa settimana. Ciò è avvenuto principalmente a causa delle tariffe di trasporto più basse, ma anche i prezzi molto bassi segnalati da alcuni fornitori russi non sono più stati visti sul mercato. Secondo le fonti di mercato, i volumi superiori, fino a 20.000 tonnellate, possono avere tariffe di trasporto verso la Turchia di 20 $/t o qualche dollaro in meno, mentre le tariffe di trasporto dalla Russia per i lotti più piccoli, intorno alle 5.000 tonnellate, sono ora di 26-28 $/t. In precedenza, le tariffe medie di trasporto dal Mar Nero erano di 30-38 $/t, a seconda dei volumi. «Non è chiaro cosa stia succedendo al rottame» ha affermato una fonte. «L’Asia è in pausa per le vacanze con un mood positivo, quindi abbiamo bisogno di altri segnali». 

I prezzi delle billette nazionali sono scesi in Turchia questa settimana, soprattutto a causa del minore interesse da parte degli acquirenti dopo un rifornimento piuttosto attivo, ma anche a causa dei più bassi livelli di prezzo delle transazioni di importazione di rottame. Il produttore Kardemir ha scambiato fino a 20.000 tonnellate a 635-640 $/t franco produttore questa settimana e ha chiuso le vendite. Nella regione di Izmir, gli acquirenti contano su 630 $/t franco produttore da parte dei produttori locali, mentre prima il livello dell’offerta era di 650 $/t franco produttore. Nella regione di Iskenderun, che ha registrato la maggiore attività di vendita e prezzi in rapido aumento, all’inizio della settimana è stata chiusa una transazione con un calo del prezzo di 15 $/t a 640 $/t franco produttore. Inoltre, la transazione più recente è già stata segnalata a 620-625 $/t franco produttore di Iskenderun per circa 6.000 tonnellate. 


Articolo precedente

Kardemir: pubblicato il programma di vendita per luglio-settembre

21 giu | Notizie

Gerdau interrompe le operazioni presso lo stabilimento brasiliano

29 mag | Notizie

Turchia: dimezzati i dazi doganali su billette, vergella e barre importate dall'Azerbaigian

27 mag | Notizie

Danieli: nuovi impianti per la giapponese Chiyoda Steel

24 mag | Notizie

Rottame: i prezzi dall’Europa in Turchia rimangono buoni, ma il mercato è ancora silenzioso

19 apr | Rottame e materie prime

Turchia, laminati mercantili: i prezzi export ufficiali registrano un andamento laterale

29 mar | Lunghi e billette

Turchia, Kardemir pubblica i volumi di vendita pianificati per aprile-giugno

22 mar | Notizie

Iran: esportazioni di acciaio in aumento nei primi 11 mesi dell’anno iraniano

20 mar | Notizie

Cina, billette: le più competitive sul mercato del Sudest asiatico per il calo dei prezzi dei futures

22 feb | Lunghi e billette

Cina: segnali contrastanti al rientro dalle vacanze

19 feb | Piani e bramme