Turchia: importazioni di rottame in flessione nel 2018

martedì, 05 febbraio 2019 17:41:08 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nel 2018 le importazioni turche di rottame sono calate dell'1,5% rispetto all'anno precedente, fermandosi a 20,7 milioni di tonnellate. Allo stesso tempo, il loro valore è cresciuto del 16,3%, raggiungendo 7,1 miliardi di dollari. Lo ha comunicato l'associazione dei produttori siderurgici turchi (TCUD). 

Sempre nel 2018, in Turchia, le importazioni di rottame proveniente da paesi dell'UE sono calate del 3,1%, a 12,5 milioni di tonnellate; i volumi provenienti dagli Stati Uniti sono diminuiti del 2,5%, a 3,7 milioni di tonnellate, mentre quelli importati dai paesi CIS si sono attestati a 2,7 milioni di tonnellate, facendo registrare un incremento del 3,4%; variazioni su base annua. Nello stesso anno, la quota dei volumi importati dai paesi UE sul totale delle importazioni è stata del 61%, mentre le quote riferite a USA e paesi CIS sono state rispettivamente pari al 18% e al 13%. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di rottame in crescita nei primi quattro mesi

Cresce il prezzo del rottame in nuovo scambio tra Regno Unito e Turchia

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nel primo trimestre

Rottame, ulteriori acquisti di rottame Turchia

Turchia: in crescita l'import di rottame nel primo trimestre 2020