Turchia: importazioni di coils a freddo in crescita nei primi nove mesi

giovedì, 12 novembre 2020 11:49:21 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di settembre di quest'anno le importazioni di coils laminati a freddo (CRC) in Turchia sono cresciute del 32,4% su base mensile ma calate del 18,8% su base annua, attestandosi a 43.681 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 23,18 milioni di dollari, registrando diminuzioni del 30,5% su base mensile e del 27,4% su base annua.  

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, le stesse importazioni sono cresciute del 14,8%, ammontando a 576.180. In valore, l'import ha raggiunto 297,65 milioni di dollari, registrando un calo del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.    

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 353.889 tonnellate di coils a freddo dalla Russia, volume in crescita del 38,83% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dal Belgio, pari a 61.509 tonnellate. Le importazioni dall'Italia sono calate di quasi il 70% rispetto ai primi nove mesi del 2019.  

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coils a freddo per la Turchia nel periodo gennaio-settembre. 

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gen-set 2020 

Gen-set 2019 

Var. (%) 

Settembre 2020 

Settembre 2019 

Var. (%)

Russia

353.889

254.908

38,83

30.566

26.635

14,76

Belgio

61.509

40.782

50,82

6.614

8.001

-17,34

Corea del Sud

41.688

9.093

358,46

883

1.472

-40,01

Romania

30.512

53.925

-43,42

470

6.133

-92,34

Cina

28.368

13.631

108,11

320

471

-32,06

Paesi Bassi

14.971

17.272

-13,32

2.246

2.273

-1,19

Ucraina

12.930

11.258

14,85

-

-

-

Italia

11.719

37.770

-68,97

982

5.169

-81,00

Giappone

3.523

15.778

-77,67

-

-

-

Svezia

3.219

3.784

-14,93

295

432

-31,71


Ultimi articoli collegati

Coking coal, importazioni in calo in Turchia a settembre

Turchia: importazioni di coils a caldo in calo a settembre

Coils a caldo, Italia prima destinazione delle esportazioni turche in gennaio-settembre 

Turchia: prezzi dei coils a freddo in aumento grazie alla domanda

Turchia: esportazioni di vergella in calo nei primi nove mesi