Liberty Steel investe nel sito di Rotherham

lunedì, 22 giugno 2020 17:17:49 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il gruppo Liberty Steel, con sede nel Regno Unito, ha annunciato di aver avviato la prossima fase della sua strategia "Greensteel" che prevede forti investimenti.

Nello specifico, l'azienda aumenterà la produzione presso il suo sito di Rotherham portandola da 500.000 tonnellate a oltre 1 milione di tonnellate l'anno attraverso investimenti mirati ad ampliare il mix di prodotti e un utilizzo maggiormente produttivo dei laminatoi per raggiungere segmenti di mercato interessanti.

Liberty Steel mira a soddisfare la domanda di tondo sul mercato locale ampliando la gamma di prodotti Greensteel del laminatoio barre di Thrybergh a Rotherham. La società ha annunciato che produrrà tondo per cemento armato Greensteel a partire da settembre 2020.

La società ha inoltre incaricato il costruttore italiano di impianti Danieli dello sviluppo dei suoi piani a più lungo termine per la creazione di un polo Greensteel presso Liberty Steel Newport. Investirà nella tecnologia ad alta efficienza energetica di Danieli relativa al forno elettrico ad arco ed effettuerà altri aggiornamenti nel sito per creare un impianto per la colata diretta di nastri in grado di produrre 1,5-2 milioni di tonnellate l'anno di coils laminati a caldo con spessore sottile destinati al mercato del Regno Unito.

«Con i nuovi sviluppi del laminatoio barre di Thrybergh, l'azienda è pronta a conquistare una quota maggiore del mercato delle costruzioni nel Regno Unito con un'offerta di tondo greensteel per i progetti» ha affermato Sanjeev Gupta, presidente esecutivo di Liberty Steel Group.


Ultimi articoli collegati

British Steel riprende il controllo dell'Immingham Bulk Terminal

Tata Steel UK offre al governo britannico una partecipazione del 50% in cambio di un prestito

Hayange, tribunale di Strasburgo respinge l'offerta del gruppo cinese Jingye

Tata Steel UK, possibile passaggio da altiforni a forni elettrici in Galles

Sindacati britannici chiedono che nel post-COVID venga utilizzato acciaio "made in UK"