EUROMETAL: la distribuzione è una componente fondamentale della catena del valore in Europa

mercoledì, 04 aprile 2018 17:34:34 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La sesta edizione di Flat Steel Conference & SteelOrbis Market Talks, in corso oggi 4 aprile a Istanbul, ha visto la partecipazione di Alexander Julius, membro della presidenza dell'associazione europea dei distributori e centri servizi EUROMETAL, il quale ha affermato che i principali attori della catena di fornitura dell'acciaio nell'Unione Europea comprendono 250 produttori di acciai e tubi, 5.000 distributori e centri servizi siderurgici e circa un milione di utilizzatori finali di acciai e tubi. Ha ricordato inoltre che il settore della distribuzione dà lavoro diretto a circa 100.000 persone.

Secondo Alexander Julius, il settore della distribuzione e dei centri servizi costituisce una parte fondamentale della catena del valore dell'acciaio in Europa, poiché fornisce una differenziazione del servizio e contribuisce a soddisfare le future esigenze dei clienti e a sviluppare nuove offerte di servizi. Julius ha aggiunto che i modelli di business della distribuzione e dei centri servizi costituiscono il ponte tra acciaierie e utilizzatori finali, fornendo un elevato contributo alla catena del valore dell'industria siderurgica in termini di disponibilità del prodotto, brevi tempi di consegna, piccoli ordini, logistica e know-how legato al prodotto. 

Per quanto riguarda le prospettive per il mercato siderurgico dell'UE nell'anno in corso, Julius ha affermato che nel 2018, secondo le stime, i settori utilizzatori raggiungeranno un tasso di crescita del 2,2%, rispetto al 4,7% registrato nel 2017. La domanda di acciaio dell'UE nel 2018 sarà supportata principalmente dai settori delle costruzioni, dell'ingegneria meccanica, degli elettrodomestici e dei metalli; tuttavia, le stime per il 2018 indicano in generale performance inferiori da parte dei settori che utilizzano l'acciaio, in particolare da parte del settore automobilistico. La crescita del settore delle costruzioni dell'UE dovrebbe attestarsi al 2,6% nel 2018, rispetto al 4,3% del 2017, mentre il tasso di crescita del settore meccanico dovrebbe essere del 3,1%, rispetto al 4,9% dell'anno precedente; ancora, il settore automobilistico dovrebbe crescere dell'1,7%, rispetto al 3,7% del 2017. Nel frattempo, l'offerta di prodotti finiti sul mercato dell'UE dovrebbe aumentare  del 2% rispetto allo scorso anno, raggiungendo 153 milioni di tonnellate.

Commentando la possibile adozione di misure di salvaguardia da parte dell'UE, Julius ha affermato che EUROMETAL è a favore delle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) e che l'associazione si impegna a rispettare tali regole.


Ultimi articoli collegati

Ucraina: il minerale di ferro esportato sfiora i 40 milioni di tonnellate nel 2019

Taranto, esplosioni nell'Acciaieria 2 di ArcelorMittal Italia

Cina: prezzi del ferromanganese sul mercato locale – settimana 4

Malaysia: dazio definitivo sulle importazioni di tondo da Singapore e Turchia

Gruppo cinese Cedar Holdings acquisisce Stemcor