Cina: la CISA prevede una lieve crescita della domanda di acciaio nel 2021

mercoledì, 27 gennaio 2021 17:20:19 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Secondo quanto comunicato dalla China Iron and Steel Association (CISA), nel 2020 la produzione di acciaio grezzo in Cina è aumentata del 5,2% annuo, mentre il consumo apparente nel paese è salito del 9%. In particolare, la domanda proveniente dal settore edile è cresciuta del 10% rispetto al 2019. 

Sempre nel 2020, le esportazioni nette di acciaio dalla Cina sono diminuite del 67,6% a fronte di un aumento delle importazioni. Nel frattempo, l'import di minerale di ferro è ammontato a 1,17 miliardi di tonnellate (+9,5%). 

Al 31 dicembre, l’indice dei prezzi dell'acciaio composito (CSPI) ha evidenziato una crescita del 17,36% su base annua, ammontando a 124,52 punti. In particolare, i prezzi dell’acciaio sono risultati più bassi nel periodo gennaio-agosto e più alti in settembre-dicembre rispetto agli stessi periodi del 2019. 

Secondo la CISA, la domanda di acciaio in Cina dovrebbe crescere leggermente grazie allo sviluppo costante dell’economia. È improbabile che le esportazioni di acciaio crescano in modo significativo. Al contrario, secondo l'associazione siderurgica cinese le importazioni aumenteranno per le conseguenze della pandemia di coronavirus sul mercato globale e a causa rigoroso controllo della produzione nel paese. Nel frattempo, gli elevati livelli dei prezzi delle materie prime (tra cui minerale di ferro, carbone e rottame) eserciteranno un impatto negativo sulla redditività delle acciaierie cinesi. 


Ultimi articoli collegati

Cina: la CISA suggerisce che vengano aumentate le importazioni di semilavorati

Cina: in crescita le scorte dei cinque principali prodotti finiti

Produzione di acciaio in crescita in Cina a fine febbraio

Cina, nel 2020 importati 38 milioni di tonnellate di acciaio

Cina, i prezzi dell'acciaio saranno sostenuti dalla domanda a febbraio