Turchia, i prezzi del rottame deep sea raggiungono 420-422 $/t nei nuovi accordi

martedì, 31 gennaio 2023 18:22:06 (GMT+3)   |   Istanbul
       

I prezzi del rottame deep sea in Turchia hanno raggiunto i 420-422 $/t CFR per l’HMS I/II 80:20 proveniente dal Nord America e dal Baltico nelle nuove trattative rese note al mercato il 31 gennaio. Un’altra transazione dall’UE è stata condivisa la scorsa settimana, sebbene per questo carico sia stato comunicato solo il prezzo medio.

Un’acciaieria con sede a Marmara ha concluso il 30 gennaio un accordo dagli USA per rottame HMS I/II 80:20 a 422 $/t CFR, frantumato e bonus scrap a 442 $/t CFR, spedizione di marzo. Questo accordo indica un leggero aumento di 2 $/t per i prezzi del rottame proveniente dagli Stati Uniti.

Un carico è stato acquistato dal Canada, con rottame HMS I/II 95:5 a 431 $/t CFR e frantumato a 443 $/t CFR. Si ritiene che il volume totale sia di 40.000 tonnellate. I prezzi sono stati segnalati a 420 $/t CFR per il rottame HMS I/II 80:20 dagli USA, in linea con le attuali quotazioni di riferimento di SteelOrbis. Va notato che alcuni operatori di mercato ritengono che il prezzo del rottame HMS I/II 95:5 sia, però, di 433 $/t CFR.

Un altro accordo proveniente dalla Finlandia è stato concluso da un’acciaieria di Iskenderun con un prezzo per rottame HMS I/II 80:20 pari a 420 $/t CFR. I prezzi del rottame HMS I/II 80:20 del Baltico sono aumentati fino a raggiungere un livello simile a quello del rottame di origine statunitense per la prima volta da molto tempo, con un aumento di 6 $/t nella fascia inferiore.

Pare che un produttore con sede a Iskenderun abbia concluso un accordo dal Regno Unito, per rottame HMS I/II 80:20 a 413 $/t CFR, facendo salire la media dei prezzi del rottame proveniente dall’UE di 1 $/t rispetto ai prezzi di riferimento di SteelOrbis, precedentemente fissati a 410-414 $/t CFR. Il carico sarà spedito a marzo.

Un volume dalla Germania è stato venduto a Iskenderun con un livello medio di 412 $/t CFR Turchia, ma la ripartizione del carico non è nota. Tuttavia, poiché l’accordo è stato concluso la scorsa settimana, non ha impatto sui prezzi attuali.

Alla fine della settimana scorsa, il rottame da Israele HMS I/II 75:25 è stato venduto alla Turchia a 385 $/t CIF Iskenderun. Tuttavia, le offerte odierne sono di 390 $/t CIF, ma non sono state accettate dai venditori che ora puntano a 400 $/t CIF a causa della tendenza al rialzo del segmento deep sea. Il livello praticabile per i rottami HMS I/II 80:20 provenienti da Bulgaria e Romania è nel range 400-405 $/t CFR. Le offerte nel segmento short sea sono scomparse per un certo periodo, poiché i venditori hanno cercato di monitorare la spinta al rialzo del segmento del deep sea.

L’ottimismo continua a essere presente nel mercato turco del rottame d’importazione. Mentre i prezzi sulla costa orientale degli Stati Uniti si sono stabilizzati questa settimana, i prezzi di raccolta degli esportatori europei di rottame sono ancora a 350-355 €/t DAP, ma di tanto in tanto si sono sentiti livelli ancora più alti. Ad oggi, si osserva che anche le acciaierie turche stanno aumentando i prezzi di acquisto del rottame locale, dando l’impressione di cercare di assicurare un flusso di rottame ai propri cantieri. I prezzi del rottame da cantieristica navale sono saliti a 410 $/t con consegna tramite camion a Izmir, mentre il prezzo di riferimento del rottame di grado DKP di Çolakoğlu è ora di 422 $/t reso cliente. Anche i prezzi spot del tondo in Turchia sono aumentati, passando a 705-710 $/t franco magazzino, ma la maggior parte delle acciaierie di Marmara e Izmir offrono i loro prezzi ufficiali del tondo a 715-730 $/t franco produttore. Le offerte di billette russe dovrebbero attestarsi a minimo 600 $/t CFR questa settimana. Nel segmento delle importazioni, i volumi disponibili per l’allocazione sono rimasti bassi, soprattutto a causa dell’assenza di fornitori asiatici e dei prezzi indicativi piuttosto alti sia della regione del Consiglio di cooperazione del Golfo che dell’Asia. È noto, inoltre, che la Turchia ha ancora un notevole volume di rottame deep sea da spedire a marzo. La vivace domanda di rottame ricevuta dai produttori dell’UE e dai tradizionali concorrenti della Turchia fornirà sostegno ai fornitori.


Articolo precedente

Import rottame: interesse scarso o nullo da Vietnam e Corea del Sud, forte il focus sul mercato locale

17 mag | Rottame e materie prime

Taiwan, rottame: prezzi import stabili o leggermente inferiori

17 mag | Rottame e materie prime

Pakistan, rottame: commercio import in calo

17 mag | Rottame e materie prime

Turchia, rottame: mercato import ancora instabile, più morbido nei nuovi accordi

17 mag | Rottame e materie prime

Italia: i prezzi locali del rottame raggiungono il massimo

17 mag | Rottame e materie prime

Stati Uniti, rottame: previsti prezzi stabili o in leggero ribasso a giugno per via della domanda fiacca

17 mag | Rottame e materie prime

Bangladesh, rottame: i fornitori non riescono a spuntare prezzi più alti a causa della domanda lenta

16 mag | Rottame e materie prime

Taiwan, rottame: importazioni in calo nel periodo gennaio-aprile

16 mag | Notizie

India, rottame: relativamente stabili i prezzi import in un contesto di attività commerciale moderata

16 mag | Rottame e materie prime

Voestalpine ricicla i vecchi rottami per gli acciai utilizzati nel settore automobilistico

15 mag | Notizie