Ghisa, stabili le offerte dai paesi CIS nonostante le pressioni al ribasso

martedì, 19 marzo 2019 17:15:50 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultima settimana le offerte riguardanti la ghisa proveniente dai paesi CIS sono rimaste tra i 335 e i 365 $/t FOB. Dopo gli incrementi di prezzo registrati nelle scorse settimane, alcuni compratori hanno iniziato ad effettuare ordini, tuttavia la maggior parte di loro non ha ancora accettato i nuovi prezzi e sta ancora esercitando una pressione al ribasso sulle offerte. 

Le offerte per il mercato statunitense sono rimaste a quota 370-380 $/t CFR, dando adito a scambi nel range dei 370-375 $/t CFR. Alcuni compratori ritengono ancora che i prezzi attuali siano troppo alti e pertanto sono restii ad effettuare acquisti. 

Nel frattempo, le offerte per l'Italia si attestano ancora a 370-380 $/t CFR, ma i compratori non sono disposti ad acquistare ghisa a questi prezzi per via della scarsa domanda di prodotti finiti. In questo contesto, i compratori non hanno ordinato materiale a prezzi più alti di 360-370 $/t CFR. 

Per quanto riguarda il mercato turco, la domanda di ghisa ha fatto registrare una lieve ripresa e un compratore turco ha acquistato del materiale proveniente dall'area CIS a un prezzo di 370 $/t CFR. 


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia