Ghisa, cresce il pessimismo sul mercato internazionale

mercoledì, 17 novembre 2021 18:17:47 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Dopo gli ultimi sviluppi dei mercati globali dell'acciaio e delle materie prime, sia i fornitori sia i compratori di ghisa si sono fatti più cauti in generale. Il pessimismo è guidato principalmente dalla Cina, poiché si teme un ulteriore rallentamento del mercato del Paese del dragone. «Non ci sono richieste specifiche di cui parlare oggigiorno – ha affermato un trader europeo –. Non c'è un livello per le offerte CIS dal momento che non vi sono scambi». Un trader con sede a Singapore si è detto d'accordo: «Non c'è nulla che funzioni veramente quando le importazioni cinesi sono ferme». Un altro trader europeo ha detto di essere abbastanza pessimista: «La domanda di acciaio sta calando in Cina e i prezzi dei semilavorati, degli acciai finiti, del minerale di ferro e del coke stanno puntando ulteriormente in ribasso. Gli ultimi due anni sono stati straordinari sotto ogni aspetto, ma a novembre 2019 le economie globali erano piuttosto in sofferenza e temo che presto raggiungeremo un punto di svolta per tornare a una nuova normalità e ricominciare da prima dell'inizio dell'emergenza Covid». 

Recentemente non sono stati registrati scambi nei mercati chiave. Gli ultimi negli Usa, relativi a ghisa proveniente da paesi CIS e Brasile, sono stati chiusi a inizio novembre a prezzi tra i 550 e i 580 $/t CFR porto di New Orleans. Attualmente alcuni fornitori stimano che sia possibile un prezzo di 570 $/t CFR Usa. Altri preferiscono invece non fornire alcuna indicazione e seguire piuttosto gli sviluppi del mercato. Affermano infatti di non aver fretta di vendere dal momento che sono in buona parte "sold out" fino a gennaio. 

Vista l'assenza di transazioni recenti, il prezzo di riferimento di SteelOrbis per la ghisa basica proveniente dall'area CIS è rimasto pari a 530-545 $/t FOB Mar Nero. Il prezzo della ghisa brasiliana allo stesso tempo ammonta a 500 $/t FOB. 

Nel frattempo, i fornitori indiani non sono interessati ad esportare vista la forte domanda che stanno registrando al momento sul mercato interno. In India il prezzo della ghisa basica ammonta a 550 $/t, mentre le ultime vendite all'export sono state chiuse agli inizi di novembre a 512-517 $/t FOB con destinazione Turchia. 


Articolo precedente

Turchia, ghisa: import in aumento nel periodo gennaio-novembre

26 gen | Notizie

Germania, in calo la produzione di acciaio nel 2022

24 gen | Notizie

Giappone, in calo la produzione di acciaio grezzo a dicembre

23 gen | Notizie

Ucraina, ghisa: in aumento le esportazioni a dicembre

19 gen | Notizie

Cina, acciaio grezzo: produzione in calo nel 2022

17 gen | Notizie

Assofermet, rottami: cauto ottimismo per il nuovo anno

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa: export in aumento a dicembre

12 gen | Notizie

Brasile, ghisa basica: gli esportatori puntano a prezzi più alti nelle prossime trattative

22 dic | Rottame e materie prime

Germania: produzione di acciaio grezzo in calo periodo gennaio-novembre

22 dic | Notizie

Turchia: importazioni di ghisa in aumento nel periodo gennaio-ottobre

16 dic | Notizie