USA: prezzi dei coils a caldo ancora stabili in attesa di notizie sulla Section 232

lunedì, 21 maggio 2018 09:56:48 (GMT+3)   |   San Diego
       

Nel mercato statunitense, allo stato attuale delle cose, vi è un unico fatto sul quale compratori e fornitori di coils laminati a caldo (HRC) possono essere d'accordo: il futuro andamento dei prezzi resterà avvolto nell'incertezza fino a che l'amministrazione non annuncerà una decisione sul tema delle tariffe e delle quote della Section 232.

Due gli scenari possibili: nel caso in cui venissero confermate tariffe nei confronti di un gran numero di paesi, i prezzi crescerebbero sia sull'import che sul mercato interno e, poiché i prezzi di importazione sarebbero comunque inferiori a quelli domestici, gli arrivi dall'estero eserciterebbero pressioni ribassiste sui prezzi spot interni. Nel secondo caso, quello che al momento appare più probabile, verrebbero istituito delle quote. "Le quote portano a carenze di materiale - ha spiegato una delle fonti interpellate da SteelOrbis. Tali carenze portano ad aumenti di prezzo. È da tempo che dico ai miei clienti di prepararsi per il quarto trimestre di quest'anno". 

Attualmente, i prezzi degli HRC sul mercato interno USA si attestano a 948-992 $/t franco produttore, e dovrebbero restare su questi livelli finché non arriverà un annuncio definitivo in merito alle tariffe o quote della Section 232.


Ultimi articoli collegati

USA: US Steel annuncia un nuovo aumento sui prezzi dei piani

USA: importazioni di coils a caldo in crescita a luglio su base mensile

USA: anche Nucor annuncia un aumento dei prezzi

USA: US Steel e CSI annunciano aumenti sui prezzi dei piani

USA: si rafforzano i prezzi dei coils