In Italia ancora in calo i prezzi dei lunghi, più aggressivo l’export di vergella

lunedì, 14 novembre 2022 13:17:05 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il mercato italiano dei prodotti lunghi continua a rimanere sotto pressione a causa di una domanda ancora insufficiente e delle elevate scorte dei commercianti, che di certo non aiutano l’attività delle acciaierie locali. I produttori italiani sono quindi stati più aggressivi nell’export della scorsa settimana, puntando a vendere alcuni volumi. Nel frattempo, sono stati costretti a ridurre i prezzi di tondo e vergella nel mercato interno.

Nel mercato locale, i prezzi del tondo dei produttori italiani sono diminuiti di circa 45 €/t nelle ultime due settimane, passando a 530-540 €/t franco produttore o a circa 785-800 €/t franco produttore, compresi gli extra di dimensioni regolari. Secondo le stime di SteelOrbis, le offerte di vergella SAE 1006 delle acciaierie sono ora pari a 770-790 €/t DDP per il Nord Italia, con un calo di 80 $/t nelle ultime due settimane.

Mentre l’attività interna rimane scarsa, le acciaierie italiane hanno cercato di incrementare le vendite export a prezzi piuttosto aggressivi. Infatti, uno dei principali produttori ha offerto questa settimana vergella alla Polonia a 720 €/t CPT, mentre l'Ucraina è stata presente sullo stesso mercato con 730-740 €/t CPT. Le offerte dell’Italia verso la Germania sono di 700 €/t CPT, mentre in Romania i livelli negoziabili sono più bassi, a 670 €/t CFR. Oltre all’UE, l’Italia ha offerto vergella all’Algeria, cercando di ottenere 700 €/t CFR per un piccolo volume di materiale di diametro 5,5 mm.

Tenendo conto della bassa domanda locale e degli sforzi di esportazione delle acciaierie italiane, le offerte di vergella importate non sono state accettate da tutti. Inoltre, continua la competizione tra i venditori delle regioni mediterranee e asiatiche. Secondo le fonti, l’Egitto è pronto a vendere vergella a 690-700 $/t CFR, mentre l’Algeria offre 680-690 $/t CFR per le qualità più elevate. Allo stesso tempo, le offerte dall’Asia sono molto più basse: 590 $/t CFR da Indonesia e Malesia e 610 $/t CFR dal Vietnam. Nonostante la differenza di prezzo, che si spiega principalmente con i lunghi tempi di consegna, il materiale asiatico non è ancora molto richiesto nell’UE alle attuali condizioni di mercato.


Articolo precedente

Stabile la situazione nel mercato dei lunghi dell’Europa meridionale, si escludono nuovi cali

17 mag | Lunghi e billette

Romania, lunghi: i prezzi spot diminuiscono poiché le prospettive rimangono sfavorevoli

16 mag | Lunghi e billette

Turchia, lunghi: domanda export moderata

16 mag | Lunghi e billette

Cina: prezzi medi dell'acciaio in leggero aumento dal 6 al 12 maggio

16 mag | Notizie

Libano: calmo il mercato del tondo nel contesto del conflitto in Medio Oriente

14 mag | Lunghi e billette

Cina, in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti all’inizio di maggio

14 mag | Notizie

Gli acquirenti iniziano a rispondere a qualche aumento nel mercato dei lunghi dell’Europa meridionale

10 mag | Lunghi e billette

Romania, lunghi: prezzi stabili a causa dell’attività debole dopo le vacanze

10 mag | Lunghi e billette

Turchia, lunghi: esportazioni ferme a causa della scarsa domanda, prezzi stabili

08 mag | Lunghi e billette

Cina: scendono le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

08 mag | Notizie