Billette: in pausa l'export dai paesi CIS

venerdì, 12 novembre 2021 12:22:38 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Le vendite di billette dai paesi CIS sono apparse estremamente scarse questa settimana dal momento che i compratori turchi hanno abbandonato il mercato. Al tempo stesso, i grossi produttori in generale non sono stati disposti a ridurre i prezzi a fronte della stabilità del rottame, della ripresa dei prezzi dei future in Cina e della ridotta disponibilità di materiale.

Le offerte da parte delle acciaierie dell'area CIS si attestano a 630-640 $/t FOB Mar Nero. Alcuni produttori tuttavia stanno offrendo materiale a non meno di 640-650 $/t FOB. 

Dopo che alcuni compratori turchi hanno acquistato billette a 625-630 $/t FOB la scorsa settimana, non ci sono state richieste dalla Turchia di recente. Nel frattempo, i produttori CIS hanno portato avanti trattative in Nord Africa al livello di prezzo di 625 $/t FOB. Questa settimana tuttavia non sono stati riportati nuovi scambi. 

Nel mercato domestico turco i prezzi delle billette si attestano ad almeno 700-710 $/t franco produttore. «Il prezzo più basso, considerati i costi di produzione, potrebbe essere 690 $/t f.p.», ha affermato un commerciante locale. Questa settimana i compratori sono apparsi silenziosi dopo aver acquistato piccoli lotti giorni fa a prezzi non più alti di 700 $/t CFR. 10.000 tonnellate erano state acquistate giorni fa a 660 $/t CFR, mentre un lotto decisamente più piccolo era stato ordinato a 670 $/t CFR. Il costo per il trasporto in Turchia ammonta a circa 35 $/t. 

Né i fornitori di billette dei paesi CIS né i compratori turchi sembrano aver fretta di negoziare: entrambe le parti preferiscono osservare i prossimi sviluppi del mercato. Anche i trader preferiscono valutare la situazione in Asia dopo gli ultimi sviluppi.

Nel Sud-est asiatico il prezzo delle billette è sceso di 10 $/t questa settimana, a 650-660 $/t CFR, tuttavia le offerte da parte dei produttori della Russia orientale difficilmente sono inferiori ai 670 $/t CFR. In data 11 novembre, i prezzi dei future sul tondo a Shanghai sono aumentati del 7,42%, accendendo le speranze di una ripresa nel mercato asiatico. Tuttavia, una fonte ha commentato: «Il mercato cinese non è così importante [per i fornitori di billette del Mar Nero] al momento, poiché i prezzi lì sono ancora molto più bassi di 700 $/t CFR». La stessa fonte ha aggiunto che gli stessi fornitori al momento stanno monitorando più da vicino l'andamento dei prezzi del rottame. 

Ieri 11 novembre il prezzo di riferimento delle billette CIS è ammontato a 625-640 $/t FOB Mar Nero, facendo registrare un calo di 2,5 $/t rispetto alla fine della scorsa settimana.


Articolo precedente

Laminati mercantili: in crescita i prezzi export dalla Turchia

03 feb | Lunghi e billette

Iran, billette: in attesa l’export, sentiment per lo più negativo

03 feb | Lunghi e billette

Le acciaierie indiane frenano le esportazioni di billette

01 feb | Lunghi e billette

Turchia: il taglio delle tariffe energetiche rallenta il rialzo dei prezzi import delle billette

01 feb | Lunghi e billette

Billette: ancora positivi gli esportatori russi, mercato turco molto lento

26 gen | Lunghi e billette

Iran, billette: gli esportatori riescono a ottenere prezzi più alti

25 gen | Lunghi e billette

India, billette: prezzi export ancora in aumento

25 gen | Lunghi e billette

Turchia, import billette: si restringe il range dei prezzi

23 gen | Lunghi e billette

Turchia, billette: import in calo nel periodo gennaio-novembre

23 gen | Notizie

Turchia, billette: prezzi locali e import in calo, ma aspettative non del tutto negative

19 gen | Lunghi e billette