Billette, i produttori dei paesi CIS cercano di alzare i prezzi

giovedì, 14 marzo 2019 16:30:16 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nonostante i produttori di billette dei paesi CIS stiano cercando di alzare i prezzi in considerazione dei più alti costi del rottame, le trading company in particolare stanno offrendo prezzi significativamente più bassi sui mercati internazionali. Le offerte dei produttori dei paesi CIS si attestano a 460-465 $/t FOB per le consegne di maggio, mentre le società commerciali offrono materiale sul mercato spot a 445-455 $/t FOB.

Nonostante la domanda di billette sia leggermente più forte di quella di tondo a livello internazionale, i compratori stanno comunque esercitando pressioni al ribasso sui prezzi. Le acciaierie iraniane, che godono di un vantaggio sotto il profilo dei costi, stanno offrendo billette a prezzi significativamente più bassi, pari a 400 $/t FOB, a causa dell'impatto delle sanzioni contro il paese. Per questo motivo, i compratori internazionali hanno intensificato le proprie pressioni sulle offerte provenienti dai paesi CIS. 

Le offerte dai paesi CIS per la Turchia si attestano a 475-480 $/t CFR, ma la domanda di acciai finiti risulta assai debole in Turchia, anche a causa dell'avvicinarsi delle elezioni locali del 31 marzo. Di conseguenza, le offerte in questione non hanno ottenuto alcun riscontro nel paese.


Ultimi articoli collegati

Tubi, prezzi cinesi stabili ma la domanda non migliora

Coils a caldo, ancora scarsamente competitive le offerte dall'India

Coils a caldo, prezzi stabili in Italia mentre continuano a crescere nel Nord Europa

ArcelorMittal Kryviy Rih avvia i test a caldo presso la nuova colata continua

Ricavi in calo per China Steel Corporation a gennaio