Ancora fermo il mercato dei lunghi dell’Europa meridionale, interessanti alcune offerte import

venerdì, 06 ottobre 2023 12:35:12 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il mercato dei lunghi dell’Europa meridionale è ancora in difficoltà alle acciaierie manca il sostegno degli acquirenti per aumentare i prezzi. Anche le vendite di lunghi verso le destinazioni europee dall’Italia e dalla Spagna sono state lente, mentre ha iniziato a intensificarsi la concorrenza con le offerte di importazione da mercati più lontani.

Nel mercato locale italiano del tondo, non sembrano esserci stati movimenti dalla settimana scorsa e permane una situazione in cui i produttori chiedono aumenti intorno ai 320-330 €/t base partenza, ma gli ordini confermati sono ancora a livelli più bassi, intorno ai 300 €/t base partenza. Sembra, tuttavia, che i prezzi non scendano ulteriormente, a differenza della vergella che ha perso circa 10 €/t, attestandosi a 580-590 €/t reso cliente.

Anche il segmento delle esportazioni è risultato piuttosto fiacco. Il prezzo del tondo dall’Italia sembra essere ancora di 550-560 €/t FOB, sebbene per il momento non si ritenga possibile superare i livelli di 540-545 €/t FOB. Le offerte dalla Spagna sono state segnalate a circa 570 €/t FOB, con un calo di 10 €/t rispetto alla settimana scorsa. Nel segmento della vergella, le offerte dall’Italia verso l’Europa sono state segnalate a 580 €/t per la vergella da rete e a 595-605 €/t per la vergella da trafila, entrambi i prezzi reso cliente.

Le offerte di importazione hanno suscitato un certo interesse sul mercato, con l’Algeria che ha offerto vergella a 590-600 €/t CFR UE nord-occidentale. Le offerte di tondo e vergella dall’Egitto per la stessa parte dell’Europa si sono attestate a 600 €/t CFR e 565-585 €/t CFR UE meridionale, a seconda del paese e del volume degli ordini.

Inoltre, alcune fonti hanno riportato offerte dall’Uzbekistan per la regione baltica a 610 €/t CPT.

Le offerte di vergella dall’Asia per l’Europa sono state segnalate a 525-535 $/t FOB, che corrispondono a circa 560-565 €/t CFR Anversa per grandi quantitativi, secondo quanto risulta a SteelOrbis.

La Turchia è in difficoltà a causa dell’aumento dei costi energetici: le quotazioni del tondo per le spedizioni di ottobre sono state dichiarate a 570-580 $/t FOB (570-585 €/t CFR), e anche 5 $/t in meno a seconda della regione e della quantità, stabili rispetto alla settimana scorsa; le offerte ufficiali dalla Turchia sono rimaste stabili anche nel segmento della vergella, a 580-590 $/t FOB (580-595 €/t CFR) per le spedizioni di ottobre.


Articolo precedente

Stabile la situazione nel mercato dei lunghi dell’Europa meridionale, si escludono nuovi cali

17 mag | Lunghi e billette

Romania, lunghi: i prezzi spot diminuiscono poiché le prospettive rimangono sfavorevoli

16 mag | Lunghi e billette

Turchia, lunghi: domanda export moderata

16 mag | Lunghi e billette

Cina: prezzi medi dell'acciaio in leggero aumento dal 6 al 12 maggio

16 mag | Notizie

Libano: calmo il mercato del tondo nel contesto del conflitto in Medio Oriente

14 mag | Lunghi e billette

Cina, in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti all’inizio di maggio

14 mag | Notizie

Gli acquirenti iniziano a rispondere a qualche aumento nel mercato dei lunghi dell’Europa meridionale

10 mag | Lunghi e billette

Romania, lunghi: prezzi stabili a causa dell’attività debole dopo le vacanze

10 mag | Lunghi e billette

Turchia, lunghi: esportazioni ferme a causa della scarsa domanda, prezzi stabili

08 mag | Lunghi e billette

Cina: scendono le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

08 mag | Notizie