Uğur Dalbeler: Turchia pronta a una seconda ondata del virus, bene export e produzione di acciaio

mercoledì, 21 ottobre 2020 15:39:42 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La scoperta di nuovi giacimenti di gas naturale rappresenta uno «sviluppo positivo» per la Turchia, paese che dipende dall'import di materie prime ed energia. Lo ha sottolineato Uğur Dalbeler, vice presidente dell'associazione degli esportatori turchi di acciaio (Çelik İhracatçıları Birliği, CIB) nel corso di un'intervista rilasciata al canale televisivo turco BloombergHT. Parlando degli effetti dell'indebolimento della valuta locale sui produttori di acciaio turchi, Dalbeler ha affermato che la dipendenza dall'import di materie prime (come minerale di ferro, carbone e rottame) ed energia influisce negativamente sul paese, pertanto ha sottolineato l'importanza di un tasso di cambio stabile per la pianificazione delle attività.

Commentando gli effetti di una ipotetica seconda ondata della pandemia in Turchia, il vicepresidente della CIB ha dichiarato che, sulla base della prima esperienza vissuta, l'industria siderurgica turca si farebbe trovare pronta. Dalbeler ha ricordato che alla fine di settembre la produzione turca di acciaio ha superato la performance registrata nello stesso mese dello scorso anno, a differenza di quanto successo nella maggior parte del mondo. Avendo il 60% di quota della produzione mondiale di acciaio, la Cina ha registrato una crescita del PIL del 4,9%, mentre il resto del mondo ha registrato una perdita di circa il 10%, ha notato Dalbeler. La Turchia si trova in condizioni tutto sommato buone a fronte di una crescita del PIL dell'1%. Con i suoi risultati, a fine settembre il paese ha eguagliato il più grande produttore siderurgico europeo, la Germania. Dalbeler suppone che entro fine anno la Turchia possa diventare il maggior produttore del continente.

Il presidente della CIB ha infine dichiarato che le difficoltà della Cina ad esportare nel primo trimestre 2020 hanno dato l'opportunità alla Turchia di entrare nei mercati del Far East e del Sud-est Asiatico, specialmente a Hong Kong e in Malaysia. Dalbeler prevede che la crescita dell'export turco in queste regioni proseguirà nei prossimi anni.


Ultimi articoli collegati

Turchia: Kardemir chiude le vendite di tondo

Turchia: alcune acciaierie aumentano i prezzi d'acquisto del rottame

EUROFER soddisfatta della decisione di registrare le importazioni di HRC turchi

ThyssenKrupp e il governo tedesco in trattativa per oltre 5 miliardi di euro di aiuti

USA: revocati i dazi sul tondo del turco Habas