Russia: in arrivo dazi sulle esportazioni di acciaio per il periodo agosto-dicembre

venerdì, 25 giugno 2021 10:14:02 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Le autorità russe hanno annunciato l’intenzione di istituire un dazio sulle esportazioni di una vasta gamma di prodotti siderurgici e metalli non ferrosi, con l’obiettivo di contenere l’aumento dei prezzi locali. Nonostante non sia stata comunicata alcuna decisione definitiva, i vari operatori del mercato stanno cercando di valutare le possibili conseguenze di tali restrizioni.

Secondo le fonti, per il periodo dal 1° agosto al 31 dicembre di quest'anno potrebbe essere imposta una tassa del 15% su un'ampia gamma di prodotti in acciaio al carbonio. Il dazio sarebbe valido per le esportazioni al di fuori dell'Unione economica eurasiatica. Inoltre, le autorità russe prevedono di imporre prezzi minimi che varieranno a seconda del prodotto.

Misure suggerite

Codice gruppo prodotti

Dazio suggerito

7202, 7218, 7219, 7220, 7221, 7222 e 7223

15%, ma non inferiore a 150 $/t

7205, 7206, 7209, 7210, 7211, 7212, 7215, 7216, 7217, 7225, 7226, 7228 e 7229

15%, ma non inferiore a 133 $/t

7201, 7207, 7208, 7213, 7214, 7224 e 7227

15%, ma non inferiore a 115 $/t

7203

15%, ma non inferiore a 54 $/t

7403

15%, ma non inferiore a 1.226 $/t

7501, 7502 e 7503

15%, ma non inferiore a 2.321 $/t

7601 e 7602

15%, ma non inferiore a 254 $/t

Secondo i media locali, la misura contribuirà a regolare i prezzi nazionali dell'acciaio, che quest'anno sono aumentati, seguendo il trend internazionale, e hanno avuto un effetto negativo sui principali progetti di costruzione locali in termini di costi. Inoltre, nel periodo considerato, il bilancio del paese dovrebbe ricevere circa 113-114 miliardi di rubli dai dazi sull'acciaio al carbonio e fino a 50 miliardi di rubli dalle restrizioni sui metalli non ferrosi. «L'introduzione del dazio non è una punizione per le acciaierie. Fa parte delle misure di protezione per il mercato locale. Dobbiamo proteggere il nostro consumatore domestico da ciò che sta accadendo sui mercati internazionali ora», ha affermato il primo ministro russo Mikhail Mishustin.

Sebbene non ci sia stata alcuna conferma ufficiale dell'imposizione di dazi sulle esportazioni, la maggior parte delle acciaierie russe ritiene che le misure saranno annunciate a breve. Si prevede che queste avranno un impatto maggiore sui segmenti dei piani e dei semilavorati, tenuto conto del fatto che la Russia è uno dei principali esportatori globali di questi prodotti. «In realtà in questo caso l'effetto non deve essere necessariamente negativo. La tassa sulle esportazioni potrebbe sostenere i prezzi a livello globale, in modo simile a quello che ci aspettiamo per quanto riguarda il dazio all'esportazione della Cina, che verrà annunciato a breve», ha detto un produttore a SteelOrbis. Tuttavia, altri temono che a causa del dazio le acciaierie russe possano risultare meno competitive sui mercati globali e che il calo dei volumi di esportazione possa ripercuotersi sull'offerta in alcune regioni. 

«Nonostante tutti questi discorsi, non c'è ancora nulla di certo – ha commentato una fonte –. In primo luogo, dobbiamo vedere la decisione ufficiale e le varie aliquote e poi valutare cosa deve essere fatto e come reagiranno i mercati».


Ultimi articoli collegati

Mechel fornisce binari tranviari alla metropolitana di Mosca

Tenova, nuova commessa da OEMK di Metalloinvest

Russia annuncia modifiche alla tassa sull'estrazione dei minerali

Acciai a grani orientati, NLMK inaugura nuova unità di trattamento laser

Dazi Russia: per le autorità potrebbero non essere necessari dopo il 31 dicembre 2021