Gerdau, cento lavoratori verso la cassa integrazione presso l'impianto di Pindamonhangaba

giovedì, 28 marzo 2019 10:46:56 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Secondo quanto riferito dal sindacato SindMetalPinda a SteelOrbis, il produttore siderurgico brasiliano Gerdau licenzierà provvisoriamente cento dipendenti presso il suo impianto di Pindamonhangaba.

La struttura di Pindamonhangaba, situata nell’omonima città nello stato di San Paolo, è uno degli impianti di acciai speciali di Gerdau. Esso opera attraverso una mini-mill con un forno elettrico ad arco, producendo barre, vergella e profilati speciali. L’impianto ha una capacità di 600.000 tonnellate annue, che dovrebbe espandersi a 1 milione di tonnellate annue in seguito all’investimento da 550 milioni di real (139,2 milioni di dollari) annunciato a novembre 2018.

Un portavoce del sindacato ha dichiarato che i licenziamenti provvisori non sono ancora effettivi e che potrebbero durare dai due ai cinque mesi, iniziando da aprile. La cassa integrazione sarebbe dovuta alla debole domanda proveniente dal settore dell’automotive locale.

“La principale area interessata è quella delle barre finite per il settore automobilistico”, ha riferito la stessa fonte.

Secondo il portavoce del sindacato, le altre aree dell’impianto di Pindamonhangaba stanno operando regolarmente.

Gerdau non ha voluto rilasciare commenti sulla questione.


Ultimi articoli collegati

Produttori brasiliani annunciano aumenti sui prezzi dei piani

Vale evacua residenti vicino a cinque dighe in via precauzionale

Gerdau congeda dipendenti per la terza volta

Brasile: Brumadinho limita le attività delle aziende minerarie

Vale, il coronavirus mette a rischio la produzione di minerale