Acciai per utensili: dall'unione tra Lucchini Tool Steel e FA.RO Acciai nasce Lucchini FA.RO

lunedì, 13 settembre 2021 15:14:33 (GMT+3)   |   Brescia
       

Lucchini FA.RO. Questo il nuovo nome della nuova società nata dalla fusione tra Lucchini Tool Steel, distributore di acciai per utensili del Gruppo Lucchini RS, e FA.RO Acciai, tra i principali distributori di acciaio per utensili a livello europeo. A darne notizia oggi, attraverso un comunicato stampa, il Gruppo Lucchini RS, il quale ha spiegato che Lucchini FA.RO opererà dai suoi tre siti industriali di Pozzo d'Adda (Milano), Suisio (Bergamo) e Padova con circa 70 collaboratori, aree produttive per oltre 20.000 mq, 60 segatrici automatiche e carroponti fino a 50 ton. La nuova società potrà contare su un fatturato combinato di oltre 50 milioni di euro. 

«La logica strategica di questa operazione – ha dichiarato il Gruppo Lucchini RS – si basa sul ruolo di Lucchini RS come primario produttore europeo integrato di acciai per utensili, dotato dell'intera filiera del processo produttivo: dall'acciaieria alle forge di Lovere (BG) e di Cividate Camuno (BS), alla ricerca e sviluppo dei materiali, ai trattamenti termici e collaudi, fino alla vendita e all'assistenza post-vendita garantendo così l'intero ciclo del prodotto venduto. Dall'altra parte FA.RO Acciai rappresenta da decenni un riferimento indiscusso nella vendita e distribuzione di acciai per utensili, integrandosi perfettamente nel progetto di sviluppo complessivo».

Lucchini FA.RO «svilupperà ulteriormente la propria presenza oltre i confini nazionali, avvalendosi di una rete di collaboratori di primario livello in sinergia con il network internazionale del Gruppo Lucchini RS».

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Acciaierie d'Italia, Giorgetti: a breve la presentazione del nuovo piano industriale

Benso (Assofermet): «Con l'import i distributori a loro rischio hanno dato continuità di fornitura»

Pezzotti (Fersovere): «Ingiustificato tracollo dei prezzi del rottame»

Salvaguardia Ue: già esaurite le quote per alcuni prodotti

Aic acquisisce la maggioranza della tedesca Kern Industrie Automation